Lettera alla Marietta

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  Tognon Edission e fonte ▼ Lamento del Co. Tomboletta  →
[p. 42 modifica]
Nota preliminare.


Il Poeta prende quì il tuono sentimentale, e scrive ad una certa Marietta pubblica Meretrice, ch'ebbe un capriccio per lui dandogli le maggiori prove di un vero disinteresse. Venne questa levata dal posto dal Conte Carlo Gerardini di Lendenara, chiamato per sopranome Tomboletta vecchio rimbambito che prese un'ardentissima passione a segno di condurla pubblicamente al suo braccio, e di rendersi la favola di tutto il paese. Contemporaneamente ebbe il Poeta la disgrazia di cader prigione sotto i Francesi per la sua lamentazione sul blocco di Venezia l'anno 1814. ― Fingendosi desolato per non poterla vedere scrive la presente Eroide, e mette in contrasto le idee sentimentali con quelle del postribolo. [p. 43 modifica]



LETTERA A MARIETTA


A sta letera Marieta
     Che te manda chi te adora
     In scondon de Tomboleta
     Daghe, o cara, un quarto d'ora.
Fra i to vecchi fotidori
     Chi te scrive xè el to biondo
     Che à godesto i to favori
     (Mercanzia de tuto el mondo)
Fin che unita co Vitoria,
     Celeberima Vacona
     Ti podevi ne la storia
     Farte un nome co la mona.
Che sestini, che alegria,
     Che graziete, che atenzion
     Co la sera in frezzeria
     Te vedeva sul balcon!
Da la vogia de far mini
     Mezza mata sul momento
     Quei to cari colombini 1
     No podeva più star drento.
Fora vita, fora brazzi
     Fora testa, fora colo
     Come Rè de tuti i cazzi
     Ti onoravi un cazzo molo.
Bondì biondo, a pian pianin
     Ti disevi, varda in alto,
     Varda in alto el mio Pierin
     Che deboto trago un salto.

[p. 44 modifica]

Se te pesa mai le scale
     Te sparagno la fadiga
     Drento almanco de sta cale 2
     Daghe un baso a la to amiga.
A ste care parolete
     Me pareva zà che amor
     Le so barbare saete
     Me slanzasse in mezzo al cuor.
In contrasto col decoro
     Per la zente che passava
     Spesso el culo al mio tesoro
     Per vergogna ghe voltava.
Ma più spesso da Poeta,
     Co no gera tanta fraca
     Imbocando la caleta
     Ubidiva a la mia vaca.
Scusa cara se sto nome
     Per la rima te refilo
     L'ò imparà, mi no so come,
     Da quel critico de Ancilo, 3
Che per massima invechiada
     La parola buzzerona
     Vol in Crusca registrada
     Per sinonimo de dona.
Oh che gusto per mi gera
     De vederte là in quel logo
     Venir zoso farme ciera
     Darme un baso tuta fogo.
Co la lengua drento in boca
     Co le man sul mio zogatolo
     Del furor de la to coca
     Testimonio gera el gatolo.

[p. 45 modifica]

E l'amabile fraganza
     D'escrementi popolari
     Semenai senza creanza
     Quasi in fazza dei to altari.
Ma scaldai no ghe abadevimo
     (Che po in fondo le xè frotole)
     E beati palpugnevimo
     Ti le braghe e mi le cotole.
Co sta idea de contrabando
     (Che no gera zà che un rosto)
     Furegando, strucolando
     Me cazzava drento in posto.
Al serar de la to posta
     Secretaria de la mona
     Pronta gera a nù de scorta
     Una vechia tabacona
Che de un mocolo de seo
     Tratamento ne faceva
     Stuzzegandolo col deo
     Co a so modo no l'ardeva.
Vaca mia! che bei momenti
     Co ridoti afato soli
     Se trovevimo contenti
     Ne la camera dei noli!
Dove i cazzi più famosi
     Cari tanto a certe da me
     Freschi sempre, e morbinosi
     S'à cavà con ti la fame.
Condizion tra nù firmada
     Gera prima sul to leto
     De mostrarme de fazzada
     La to sfesa el to boscheto

[p. 46 modifica]

E a l'idea de quel gran gusto
     Che se nomina chiavar
     Me sentiva più robusto
     El mio cazzo deventar.
Ma ti spesso generosa
     Festegiando el to Poeta
     Co la man ne la pelosa
     Ti sonavì la spineta.
E batendo co la boca
     Zà convulsa i to dentini
     Te vedeva su la coca
     Piover zoso i to bei nini.
A sto quadro duro e grosso
     El mio cazzo deventava
     E corendo a ti redosso
     Pien de furia te impirava.
Qua me fermo che no vogio
     Palesar quei nostri arcani
     Se cascasse mai sto fogio
     Ne le sgrinfe dei profani.
Ghe in amar dei miscredenti
     Che lo acorda raro in dona,
     E lo nega maldicenti
     In chi fa la buzzerona.
Quasi che, quel torlo drento
     Da la sera a la matina
     Escludesse el sentimento
     In chi vende la mosina.
Lengue infami da patibolo
     Che metè le vache a mazzo
     Sapiè pur che nel postribolo
     Gh'è chi unisse el cuor al cazzo!

[p. 47 modifica]

Cossa gera, dilo ti
     La mia solita regalia?
     Per pararte sù el pipì
     Una lira o dò d'Italia.
E più cara, e più patetica
     Zorni dopo te trovava
     Co la paga mia poetica
     Fedelmente rinovava.
E ti cara ti xè quela,
     (Me vien proprio una fumana)
     Che del Conte Botesela
     Ti fa adesso la Putana.
Che da un talero sedota
     Ch'el te dà de zorno in zorno
     Ti avilissi la to pota
     Con quel vecchio bon da un corno?
Con quel Bodolo in peruca
     Curto curto, grosso grosso
     Che scaldà con ti la zuca
     Te vol sempre star adosso?
Che in mancanza de l'oselo
     Tasta, palpa, nasa, lica
     E più sempio de un putelo
     Tuto el zorno el te lambica.
Domandando se te par
     Che una dona possa ancora 4
     Qualche cossa in lì trovar
     Che de fondo la inamora?
Benchè in cotego mi sia
     Dal governo castigà
     Tuto sò Marieta mia,
     Quel che nasse in sta cità.

[p. 48 modifica]

So che in guera maledeta
     Ti xè sempre co sto mato
     Che te piase tomboleta
     Come el can ghe piase al gato.
Che de corni una foresta,
     (Se gh'è corni senza cazzo)
     Ti gh'è và piantando in testa
     A sto vechio visdecazzo.
Che ti xè la sera in crista
     Ai teatri col merloto,
     Ch'el te mestra per conquista
     Fin nel publico ridoto.
Che per pato de scritura
     L'è bandio da ti la note
     Per godertela sicura
     Coi morosi che te fote.
Che in sto bloco in sta penuria
     Ti ghe costi tropo cara,
     Ch'el se magna per lusuria
     La contea de Lendenara.
Che l'è un fumo senza rosto,
     E che presto a bon mercà
     (Dio lo vogia) sul to posto
     La to mona tornerà.


ANNOTAZIONI
  1. [p. 50]Sinonimo di tette.
  2. [p. 50]L'entusiasmo di Marietta era tale che discendeva spesso dal posto ed abbracciava il Poeta.
  3. [p. 50]Nome di altro Poeta vernacolo filosoficamente pensando non fa gran calcolo del bel sesso.
  4. [p. 50]Dialogo scipitissimo che soleva spesso tenere il Conte con la Puttana.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Lettera_alla_Marietta&oldid=58346"