Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/49

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Cossa gera, dilo ti
     La mia solita regalia?
     Per pararte sù el pipì
     Una lira o dò d'Italia.
E più cara, e più patetica
     Zorni dopo te trovava
     Co la paga mia poetica
     Fedelmente rinovava.
E ti cara ti xè quela,
     (Me vien proprio una fumana)
     Che del Conte Botesela
     Ti fa adesso la Putana.
Che da un talero sedota
     Ch'el te dà de zorno in zorno
     Ti avilissi la to pota
     Con quel vecchio bon da un corno?
Con quel Bodolo in peruca
     Curto curto, grosso grosso
     Che scaldà con ti la zuca
     Te vol sempre star adosso?
Che in mancanza de l'oselo
     Tasta, palpa, nasa, lica
     E più sempio de un putelo
     Tuto el zorno el te lambica.
Domandando se te par
     Che una dona possa ancora 4
     Qualche cossa in lì trovar
     Che de fondo la inamora?
Benchè in cotego mi sia
     Dal governo castigà
     Tuto sò Marieta mia,
     Quel che nasse in sta cità.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/49&oldid=58343"