Lamento del Co. Tomboletta

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Lamento del Co. Tomboletta
1823
←  Lettera alla Marietta Edission e fonte ▼ Sonetto per la Contessa Scotti  →
[p. 49 modifica]
NOTA PRELIMINARE
Lamento del Conte Tomboletta.

Qui il Poeta assume di trattare nel maggiore dettaglio la Storia Comica degli amori del Conte Gerardini di Lendenara con Marietta, storia che risulta già chiara abbastanza per dispensarsi dal premettere certe dilucidazioni sul proposito. Dietro la prima voce che il Conte, partito da Venezia durante l'ultimo blocco era stato preso dagli inglesi il Poeta per dar maggior risalto al quadro, finge che sia stato lasciato alla ventura sopra una spiaggia deserta, e solo in questa parte si permette di alterare la storia delle sue romanzesche disavventure. Come poi si avverrò tutto il contrario, cioè che la generosità inglese, dopo aver lasciata la Barca in libertà fornì il Padrone del Pielego di una commendatizia per il commandante ammiraglio di Trieste, e che il Conte fu scortato fino a Padova, così il Poeta per correggere l'arbitrio finge il miracolo della Balena che lo salva dalla morte come un nuovo Giona, e dopo averlo tenuto in pancia per tre giorni lo vomita in queste vicinanze.

Il Conte nel momento che si trova spogliato dagli Inglesi nel suo passaggio da Venezia a Trieste, e abbandonato sopra una spiaggia deserta, così prorompe vaneggiando con la sua Marietta, che spesso lo piantava solo in letto nel crudo inverno per dialogare furtivamente alla finestra con un certo Grazioli suo amante secreto.


Cossa rompistu i cogioni?
     Vostu vederme crepà?
     Sera porca quei balconi
     Che son tuto indolentià.
Co sta note, co sto vento
     (Xestu gnanca una Putana?)
     Ti me aversi a tradimento
     El balcon de tramontana.

[p. 50 modifica]

Ti me lassi solo in leto
     Per parlar col to Grazioli
     Ti me esponi a un mal de peto
     Per la vogia de far noli?
Dona infame senza cuor
     Sto bel calcolo ti fa
     Del to Conte protetor
     Del so cazzo titolà?
Per la Vergine Maria
     In che Mondo songio mai? 1
     Songio in Africa, in Turchia
     Nel Giapon nel Paraguai?
Solo quà come un cogion
     In sta spiagia abandonada?
     Xelo un sogno? una vision?
     Xela un isola incantada?
Songio mato da ligar?
     Goi la freve, o xelo vin?
     In camisa? in riva al mar?
     Songio el Conte o Trufaldin?
Ah pur tropo che son mi
     Da quei cani sassinà...
     Povereto el mio Pipì 2
     Xestu gnanca imbovolà?
Cori presto, Marietina
     Meti in opera, tesoro,
     Quela caro to manina
     Che me costa un pozzo d'oro!

[p. 51 modifica]

Fame veder quela coca
     Che stilava miel per mi
     Co barbuzzo, naso e boca
     Doperava note e dì.
Via de quà carogna infame! 3
     Songio gnanca un visolecazzo
     Mezzo morto da la fame
     Sogno ancora mona e cazzo?
Sogno un'empia da cartelo
     Che in compenso del mio amor
     Minacciava sul più belo
     De voler cavarme el cuor?
Che per far de mi ridicolo
     Me chiamava Botesela
     Sgionfo, Tombola, testicolo
     Trufaldin, Purichinela? 4
Godi pur del to trionfo
     Daghe ai cani la to mona,
     Su sta spiagia el Conte sgionfo
     Mor da fredo e te abandona.
A scontar i so pecai
     L'anderà forsi a l'inferno,
     Ma in confronto dei so guai
     Cà del Diavolo xè un terno.
Pezo furia de culia
     Belzebù certo no gà,
     Dal gran mal de gelosia
     Sarò almanco liberà.

[p. 52 modifica]

Carlo mio no far el porco
     Degna sia de ti la morte,
     Una favola xè l'orco
     Crepa Carlo ma da forte!
La contea xè andada in cenere
     La xè tuta ipotecada,
     Senza bezzi e senza Venere
     Xè sta vita una monada.
Ma crepar per una vaca
     Che gà intanto el so sicuro 5
     Che pol dar la mona a maca
     Viva Dio l'è un osso duro!
Cossa gerele po infondo
     Le atrative del quel Tomo?
     Xè ben vero che a sto mondo
     Sempre al pezo tende l'omo.
Bruto muso, tete fiape 6
     Dal bordelo rovinae
     Negra, scarma, bone chiape
     Basse tropo e mal piantae;
Corpo snelo, modi scaltri
     Zuca voda, mentidora,
     Per mi freda e per i altri
     Calda sempre e sboradora.
Ma per altro Dona tal
     Che nel posto ne la tatica
     No se pol trovar l'egual
     No ghe xè più brava pratica. 7
Oh memorie benedete
     Co scaldà d'amor per ela
     Me godeva un per de orete
     Co do taleri in scarsela!

[p. 53 modifica]

Per dar vita al mio Quajoto
     Baloner sessuagenario
     Stravaganze! un scopeloto
     Gera prima necessario.
Del so posto da le scale
     Come un fulmine calando
     La doveva in qualche cale
     Aspetarme caminando:
E co gera el bel momento
     Su sto muso da polpeta
     Consegnarme a tradimento
     Una schiafa maledeta. 8
Pò scampar per frezeria
     Menar ben le so culate,
     Che mi intanto da drio via
     Quachio quachio, come un frate,
Contemplando l'eloquenza
     Del quel caro ondulamento
     La mia poca de semenza
     Me sentiva in movimento,
E l'oselo ingritolio
     Da le ingiurie de l'età
     (Gran fenomeni per Dio!)
     Gera in bota ravivà.
De quei taciti misteri
     Sò che noto xè el secreto
     Che veniva i putanieri
     A spiarme dal buseto.
Che i m'à visto abandonarme
     Ai trasporti del mio cuor,
     Co la boca sbabazzarme
     Su la porta de l'amor.

[p. 54 modifica]

Zupegar fora de mi
     I cavieli de Marieta,
     Furegar el mio pipì
     Su la cara so sfeseta.
Per el leto come un mato
     Menar culo, menar zuca
     In quel estasi beato
     Perder spesso la peruca.
E passando più d'un'ora
     In ste varie operazion
     Mezzo morto mandar fora
     Qualche bava sul balon
Ma sior sì: per far el mona
     Me venudo el bel pensier
     De levar sta buzzerona
     Da l'infamia del mestier.
La m'à parso un anzoleto
     Una dona de bon fondo
     Deventava a so dispeto
     Mercanzia de tuto el mondo.
La m'à pianto, la m'à dito
     El mio cuor no xè da scroa,
     Tolta fora de sto sito
     Sarò bona, sarò toa.
M'ò comosso, gò credesto,
     (L'ogio gnanca fata bela?)
     I riguardi ò avudo in cesto,
     O fifà d'amor per ela.
Senza bezzi in mezzo al bloco
     Per condurla a casa mia
     O dovesto con un stoco
     Garantir la Pulizia.

[p. 55 modifica]

Varie bozze de Cologna
     Ò comprà co le mie man
     Per netarla sta carogna
     Da la rafa, dal pantan.
Gò dà un fisso, l'ò cambiada
     Per tre volte de casin
     Bona tavola, e in stagnada
     O polastra, o colombin,
Che mi stesso nato conte
     (Stravaganze!) contratava
     E a bon ora per le sconte
     Soto el brazzo ghe portava.
Ma zà vaca de abitudine
     E più vaca assae de cuor
     La più negra ingratitudine
     Gera premio a tanto amor.
Da quel dì che mia l'ò fata
     Consumando e tempo e bezzi
     Oh che refoli da mata!
     Che dispeti! che strambezzi!
Sempre in giro per el cazzo,
     Sempre falsa e brontolona,
     Sempre in boca el visdecazzo
     O l'antifona del mona.
De sti amori da postribolo
     Gera intanto secretario
     Quel ministro del patibolo
     Chiamà in corte gran sicario. 9
Che sorbiva con pazienza
     Sta secada de cogioni
     Benchè un posto de clemenza
     Lù no gabia trà i busoni,

[p. 56 modifica]

Che garante e soventor
     Solo in mezzo a tanta zente
     M'à capio per un signor
     Per un bodolo solvente.
Dei carnefici nei fasti
     No gh'è certo un caso egual
     Semio gnanca in tempi guasti?
     Un carnefice moral?
Un carnefice rufian
     Per impulso de bon cuor?
     Che dà bezzi e che tien man
     A le smanie de l'amor?
Con trasporto vicendevole
     Ela e mì da là corevimo,
     L'omo probo e ragionevole
     Nel carnefice trovevimo.
Lù saveva a tempo e logo
     Dirme, Conte la ghe mola,
     Conte caro tropo fogo,
     Vaca sì, ma bona fiola.
Dona avezza a torlo drento
     Xè un sempiezzo imaginar
     Che la possa in un momento
     El negozio dissecar.
Xè la lengua bela e bona
     Caro conte ma no basta;
     Ghe vol cazzo per la mona,
     Cazzo duro e no de pasta.
Per dirito de chi spende
     La pol ben voler creanza
     Ma in scondon... zà la me intende
     El ghe sbrissa sempre in panza.

[p. 57 modifica]

Sta eloquenza me incantava,
     E per opera del boja
     Novi pati combinava
     Per far pase co la troja.
Superior al pregiudizio
     Gera tanto deventà
     Che per far la corte al vizio
     Lo voleva rispetà.
Pretendeva a forza d'oro
     Dal so fango sublimarlo,
     E col rosto del decoro
     A la megio pontelarlo.
Co sto calcolo, prodoto
     De la mia testa de cazzo
     La putana m'ò condoto
     Francamente soto el brazzo.
Prima sconto nel palcheto,
     Pò davanti i m'à zà visto
     Ostentar a san Beneto
     De sta vergine l'acquisto.
I m'à visto in certi casi
     Far dei tiri da putelo
     Co custia butava basi
     Per de soto del capelo.
Co in inquietà del so contegno
     Ghe diseva, via in malora!
     Songio un'omo, o songio un legno?
     Cossa varidistu de sora?
Disonor de la contea!
     Ti gà el conte, e ti distrata
     Co le zizole in platea
     Ti gà cuor de far la mata?

[p. 58 modifica]

Ma no basta; per sigilo
     De l'epiteto merloto
     L'ò condota messa in filo
     Fin nel publico ridoto.
Oh che susio! oh che cagnera!
     Oh che cresema de mona!
     De galanti una spaliera
     M'è venuda a far corona.
Chi da drio la pizzegava
     Vechio amigo del so buso,
     Chi davanti se fermava
     Per vardarne ben in muso.
Chi tastandola sul fianco
     Ghe diseva, adio Marieta!
     Chi rideva, e chi più franco
     Me chiamava Tomboleta.
Ma per forza de sistema
     Deventà saco da bote
     Ogni sera pien de flema
     Compariva a mezza note.
Fermamente persuaso
     De poder co sta insistenza
     Darghe credito a quel vaso
     De la publica semenza.
E pò in fondo zureria
     Che in tre mesi un solo zorno
     No à lassà passar custia
     Senza farme un qualche corno.
Corni intanto che disnava,
     Corni intanto che dormiva,
     Corni intanto che zirava
     Per la piazza o su la riva.

[p. 59 modifica]

Corni bassi, corni fioli
     D'una testa da strambezzi,
     Corni fissi co grazioli
     Corni mobili per bezzi.
Corni suso, corni in leto
     Da capricio, e da mestier
     Corni fin co Barbareto
     Stomegoso putanier.
Corni in casa, corni in strada,
     Corni in maschera la sera
     Co da tuti palpagnada
     La pareva una massera,
Corni tali che ò dovesto
     Far un ato riflessivo
     Dai gran corni roto el cesto
     E ridoto un corno vivo.
Ò finio de far l'aloco
     Anderò (gò dito un dì)
     A dispeto de sto bloco
     Anderò lontan da tì. 10
Fermo son nel mio progeto,
     Non gh'è logo a pentimento,
     Dal paron l'aviso aspeto.
     Cò in favor se cambia el vento,
Per no veder la mia peste
     Coragioso vado in mar
     (Eco el nolo per Trieste!) 11
     Le buele a gomitar.
» Bravo el conte, bravo el coca
     » Và pur là che mi te mando
     E col cuor e co la boca
     (La m'à dito de rimando)

[p. 60 modifica]

» Crederessistu cogion
     » Che me vogia desperar
     » Per un vechio polpeton
     » Che và a farse buzerar?
» Schiavitù no vol Marieta,
     „ La xè nata buzzerona,
     „ Se no lica Tomboleta
     Gh'è chi fote la so mona.
Co sto tiro, su le spale
     La s'à messo el scial da festa
     Ripetendo su le scale
     „ Và pur là coi corni in testa!„
Da sto fulmine colpìo
     Me venudo un gropo in gola,
     Le mie buzare ò capio,
     Son restà senza parola.
Agità da mile afeti
     No l'ò vista per dei zorni,
     Ma ò savesto i so dispeti
     Le sò fufigne, i so corni.
Ò savesto che Vergada 12
     Mio secondo secretario
     S'à pagà co una chiavada
     In mancanza de salario.
Che a la publica lusuria
     Gera esposta la mia bela
     Che la zente andava in furia
     Al casin de Botesela.
Che xè andada col so muso
     De Grazioli la mugier
     A toparlo sora el buso
     De sta vaca da mestier, 13

[p. 61 modifica]

Che spandeva la semenza
     Un poeta criticon
     Per satirica insolenza
     Fresco zà da la preson, 14
(Gran nemigo de chi lica,
     Visità da mi la sera,
     Che non tase se i lo impica, 15
     Che farà de mi cagnera.
La veniva mascherada
     A trovarme da Florian
     Co i morosi incantonada
     Che gaveva el culo in man.
Vestìa d'omo in badinè
     Al Teatro de scampon
     La me urtava col bombè
     Messa proprio da buson, 16
Al Ridoto in dominò
     La vedeva capitar
     Coi galanti in comerò
     Che palpava a tuto andar.
E mì intanto (stravaganza
     D'una zuca senza sal!)
     Stava la co la mia panza
     Trufaldin da carneval. 17
Finalmente aspeta aspeta
     El paron me chiama a bordo,
     Vol venir con mi Marieta,
     La gò in culo e fazzo el sordo.
Zà me par tuto contento
     D'aver vinto un terno al loto,
     Zà in favor me supia el vento
     Zà el mio stomego xè in moto.

[p. 62 modifica]

Destirà sora una stiora
     Che ghe gera al lai de pope
     Per de soto e per de sora
     Se me mola zà le stope.
Sbrodegà come un pulelo
     Tiro i ochi, perdo el fià,
     Dai gran sforzi sul più belo
     Se me rompe el papagà,
Vogio dir quela bozzeta
     Che me tegno sul bimbin
     Co me sbrissa la giozzeta
     Anca senza far pissin. 18
Ma felice in mezzo al mal
     De scampar da la putana
     Vedo zà col canochial
     Che Venezia xe lontana.
Che son fora de pericolo
     De cascar in quele man,
     De sentirme a dir testicolo
     Vechio porco, vechio can. 19
Maladeta la mia sorte!
     Giusto alora in quel momento
     El paron ne ziga a forte
     „ Semo friti, cambia el vento!
Vento infame, vento mulo!
     De bestemmie vechie e nove
     Tuti in coro roti el culo
     Regalemo el padre Giove.
Tuti pianze la disgrazia
     De dover tornar da novo
     A serarse dove in grazia
     Per sie soldi se gà un vovo.

[p. 63 modifica]

Dove a chiapi xè i pitochi,
     Dove manca el pan el vin,
     Dove i nobili xè in tochi
     Livelai col cercantin.
Dove un'ochio de la testa
     Costa un fià de carne straca,
     Dove apena qualche festa
     Ghe xè carne ma de vaca.
Masenando sti pensieri
     Zà la barca torna indrio,
     Per dar gusto ai putanieri
     Zà da novo son a Lio.
Meto in gondola el fagoto
     Soto el felze me destiro,
     Per culia gò el sangue in moto
     Pianzo, palpito, sospiro.
Smonto a casa, vado a spasso
     E chi trovio da Florian?
     Quela porca che fà chiasso
     Che me burla da lontan.
Chi me dise, ben tornato,
     Sala conte divertìo?
     Chi tontona, xè qua el mato
     Xè quà Tombola per Dio.
In quel circolo insolente
     Che dà suso a mezza note
     Lavezzari presidente
     Me tol via co le so bote. 20
Fato zà comun spetacolo
     Son de tuti in cameron:
     Fin de mi se burla Bacolo 21
     Con quel muso de cogion.

[p. 64 modifica]

Tegno duro ma per poco:
     Orbo sempre amor xè stà,
     Casco in trapola e da gnoco
     Torno a far l'inamorà.
A licar torno in secreto
     Soto l'ombra del mistero
     De sta vergine el tempieto
     Con un stomego de fero.
Torno a far de note zorno
     Pago spie, la spia ghe fazzo,
     Al casin ghe ziro intorno
     No ghe abado al fredo, al giazzo.
Perdo un dì la tramontana
     Ghe consegno un per de schiafi
     Se rebeca la putana
     La se mete suso i bafi,
Voria pur scampar in cale,
     Ma un gran pugno me desnombola
     Casco in tera, e da le scale
     Vado zò con una tombola.
Sta lezion me mete in quiete
     E da novo sento a dir
     Dopo el zorno disisete
     Che xè tempo de partir.
Stufo assae de far el coca
     De andar via più no me lagno
     Torno in barca, e chi me toca
     Te sorbirme de compagno?
Caso novo ne la storia! 22
     Quel bel capo de Grazioli,
     Pien de fumo ― pien de boria
     Rè de tuti i canapioli,

[p. 65 modifica]

Che foteva a crepa panza
     La mia bela e zorno e note,
     Che no gà certa creanza
     (Qualità de chi ben fote)
Ch'el discorso de Marieta
     Ogni tanto stuzzegava,
     Che del conte Tomboleta
     Ogni tanto domandava.
Al mio titolo insensibile
     El paron che gera on tomo
     Per urtarme l'irascibile
     Me chiamava galantomo. 23
Espression de confidenza
     Che mal liga co l'idea
     De la nobile ecelenza
     Che gà el sangue de contea.
Fin per darme la boldona
     Una serva, una donazza 24
     Con un far da buzzarona
     Me diseva, adio smegiaza,
Co ste pilole ai cogioni
     Oh che viazo! oh che lunario!
     E mì là tra quei birboni
     Come Cristo sul calvario.
Mal coverto la mia pele
     Da una strazza de schiavina,
     Gomitando le buele
     Imbilà da sta berlina.
Supia el vento, e zà a le preste
     Naveghemo in mezzo al mar
     Zà vedemo de Trieste
     Case, e cupole spontar.

[p. 66 modifica]

Zà ghe semo, zà smontemo
     Zà sentimo a dir pur tropo
     Che a un gran fiasco s'esponeno
     Perchè el numero xè tropo,
Che le Pin de fondo amabile
     No lo xè coi forestieri
     Che per farlo inesorabile 25
     Gh'è dei ordini severi.
Chi sta là come bocali
     Passegiando la Peata
     Chi presenta momoriali
     Chi bestemia chi se grata.
E mi franco col mio muso
     A le Pin dimando udienza
     Trovo grazia, vado suso
     Son davanti a so zelenza,
„ Co le lagrime sui ochi
     (Digo a lu tuto tremante 26
     Abrazandoghe i zenochi)
     „ Se presenta comandante,
„ Un che nato a Lendenara
     „ Con famegia e con contea
     „ Prova in lù la sorte amara
     „ De l'eroe de l'Odissea;
„ Un che vitima e zogatolo
     „ De una porca buzzerona
     „ Come el sorze nel cubatolo
     „ Xè cascà ne la so mona.
„ L'è signor ma in sta penuria
     „ Tuti à fato qualche stoco
     „ Co sta strazza de lusuria
     „ Quai se torno a Malamoco.

[p. 67 modifica]

„ Che mi sia de sangue nobile
     „ Tuti zà lo vede a muso
     „ Coi compagni, fezza ignobile,
     „ Mi no devo andar confuso.
„ Ne la mia parzial disgrazia
     „ Comandante, vù zà entrè,
     „ Da vù solo aspeto grazia,
     „ E vù farmela podè.
Solevandome da tera,
     (Ingropà da sta eloquenza)
     Un bel nò pien de maniera
     M'à risposto so Zelenza.
Co la zonta in bon francese,
     Sul momento de dar logo
     Per no urtarse co l'inglese
     A miragio pien de fogo.
Ubidisso, lo sà Dio
     Con che muso, con che luna
     E me imbarco el zorno drio
     Per la Veneta laguna.
Son da novo a Malamoco,
     Ma sta volta fazzo el mulo
     No voi più serarme in bloco,
     Vogio aver Marieta in culo.
Tuti smonta, e restà solo
     Dal paron me fazzo dar
     Destirà sora de un colo
     Pena, carta, e calamar.
„ Dai gran gomiti ridoto 27
     „ La metà de quel che gera
     „ Me contento de sto loto
     „ Ma no vogio più cagnera.

[p. 68 modifica]

„ Sia la sorte trista o bona
     „ Che a sto Pielego ghe toca
     „ Gò el coragio, Buzzerona,
     „ De scordarme la to coca.
„ Ma chi nobile xè nato
     „ No pol mai smentir el cuor,
     „ Riconossi da sto trato
     „ El caratere el Signor.
„ Stà cambial che mi te mando
     „ Sul Portier Marco Picini
     „ La xè tal che ti de bando
     „ Ti pol dar tre mesi i nini. 28
„ Vado via col cuor in pezzi
     „ Ne te posso ancora odiar
     „ Vado via curà de bezzi
     „ Vado a farme buzzerar.
Cussì ò scrito e da cogion
     D'una calda lagremeta
     Ò bagnà su la mansion
     El bel nome de Mariela.
Per sigilo a sta Comedia
     Ghe voleva un ato forte,
     Un bel pezzo de Tragedia
     Che me dasse in brazzo a morte.
La se varda dai corsari
     Conte mio per carità!
     Tante volte Lavezzari
     Da Florian m'à replicà.
Pochi mia fora del porto
     I me chiapa sti ladroni,
     I me sbrega el passaporto,
     E spogià fin dei bragoni

[p. 69 modifica]

I me lassa a culo nuo
     Co una fufa buzzerona
     De sta spiagia sul paluo
     A finirla come un mona.
Preda zà de Belzebù
     Cussi à dito sto gran mato,
     Ma pietoso amor de lù
     Un miracolo l'à fato.
Bogie el mar, e una balena
     Salta fora sul momento
     Che misciando và la schena
     Larga più d'un bastimento.
Su la spiagia capitada
     Con bon garbo, con creanza
     La ghe dà una boconada
     La lo ingiote neto in panza.
Vivo el Conte per tre zorni
     L'è portà de quà de là
     E po salvo in sti contorni
     Come Giona gomità.

ANNOTAZIONI
  1. Il Conte ritorna in sè.
  2. Il Conte dà un'occhiata al suo membro irrigidito dal freddo.
  3. Il Conte ricade nelle furie di prima
  4. [p. 71]Sinonimi tutti dei quali regalava Marietta il protettore.
  5. [p. 71]Prima di partire per Trieste il Conte le aveva assegnato un sicuro per tre mesi.
  6. [p. 71]Ritratto vero della Marietta.
  7. [p. 71]Egli s'era innamorato di questa donna protestando che non aveva ritrovato la più valente nell'arte meretricia.
  8. [p. 71]Non è questa esagerazione fantastica, ma confidenza fatta dalla stessa Marietta al Poeta. Le stravaganze dell'umana fantasia in questo proposito sono tali da non sorprendersi di nulla.
  9. [p. 71]Una delle prime cariche della Corte Busonica e in allora mirabilmente coperta dal povero Polo [p. 72]Foscarini. Il medesimo in quella circostanza ha somministrato danari al Conte, e s'è più volte interposto nei disgusti amorosi con la Marietta.
  10. [p. 72]Dopo tante prove di fedeltà il Conte si decide di lasciarla e si procura un nolo per Trieste.
  11. [p. 72]Il Conte credeva con tanta fermezza di ridur Marietta alla disperazione.
  12. [p. 72]Il Conte Vergada di Zara che gli faceva l'amico, e se la divertiva in secreto.
  13. [p. 72]Scena notoria per cui la moglie di Grazioli fece un ricorso alla Polizia.
  14. [p. 72]Il Poeta parla di se stesso.
  15. [p. 72]Il Conte lo visitava di frequente durante il suo arresto in casa, e mettendolo alle maggiori confidenze ne suoi deliri con la bella, gli somministrava senza avvedersene i materiali per la satira.
  16. [p. 72]Scherzetto della Marietta, onde rimuovere il Conte dalla sua fermezza.
  17. [p. 72]Il Conte aveva la pazienza di seguirla tutta la sera al ridotto, e di sedere in mezzo per meglio esporsi al ridicolo.
  18. [p. 72]Disgrazie de l'età.
  19. [p. 72]Altre parole vezzegiative in bocca sempre della Marietta.
  20. [p. 72]Nel Camerone interno di Florian si raccoglie un certo numero di persone assennate, ma di qualche spirito, che se la divertivano assai col Tomboletta, e fra gli altri il faceto Lavezzari.
  21. [p. 72]Nome di uno dei serventi di bottega.
  22. [p. 72]Amante secreto della Marietta.
  23. [p. 72]Tomboletta fiero del suo titolo sbuffava di rabbia col Paron di barca che sostituiva il galantomo al Conte.
  24. [p. 72]Queste relazioni di viaggio sono genuine perchè avute poi dal Conte Vergada e registrate dal Poeta.
  25. [p. 72]Ammiraglio a Trieste.
  26. [p. 72]Parlata eloquentissima del Conte.
  27. [p. 72]Viglietto a Marietta.
  28. [p. 72]Marco Picini portiere della Municipalità fu incaricato dal Conte di pagare alla Marietta per tre mesi la somma di 400 lire Venete.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Lamento_del_Co._Tomboletta&oldid=58472"