Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


So che in guera maledeta
     Ti xè sempre co sto mato
     Che te piase tomboleta
     Come el can ghe piase al gato.
Che de corni una foresta,
     (Se gh'è corni senza cazzo)
     Ti gh'è và piantando in testa
     A sto vechio visdecazzo.
Che ti xè la sera in crista
     Ai teatri col merloto,
     Ch'el te mestra per conquista
     Fin nel publico ridoto.
Che per pato de scritura
     L'è bandio da ti la note
     Per godertela sicura
     Coi morosi che te fote.
Che in sto bloco in sta penuria
     Ti ghe costi tropo cara,
     Ch'el se magna per lusuria
     La contea de Lendenara.
Che l'è un fumo senza rosto,
     E che presto a bon mercà
     (Dio lo vogia) sul to posto
     La to mona tornerà.


ANNOTAZIONI

1. Sinonimo di tette.

2. L'entusiasmo di Marietta era tale che discendeva spesso dal posto ed abbracciava il Poeta.

3. Nome di altro Poeta vernacolo filosoficamente pensando non fa gran calcolo del bel sesso.

4. Dialogo scipitissimo che soleva spesso tenere il Conte con la Puttana.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/50&oldid=58345"