El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola/Canto secondo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
25%.svg
Qualità del testo: sto testo no'l xe stà gnancora trascrito par intiero.
← Canto primo Edission e fonte ▼ Canto terzo  →
[p. - modifica]
El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693) (page 33 crop).jpg
[p. - modifica] [p. 17 modifica]

EL

GOFFREDO

DEL

TASSO

CANTÀ ALLA

BARCARIOLA.




CANTO SECONDO.
ARGOMENTO.


Ismeno Mago fà un curioso incanto,
     Mà'l ghe và sbuso; e gramo ogni Cristian,
     Se Sofronia, e pò Olindo co ardir Santo
     De Aladin no se mette in te le man:
     A Clorinda costori hà piasso tanto,
     Che la i ottien'in dono da quel Can.
     Alete vorria Pase; mà l'è Matto;
     E Argante intima la Guerra de fatto.

I

I
N tanto, che Aladin se tira in Squero

     Ghe comparisce va zorno Ismeno solo;
     Ismen, che hà forza de far parer vero
     El falso, Vivo el morto, e duro el molo;
     Ismen, che con el so commando fiero
     El fà piegar anca à Pluton el Colo;
     Ismen, che puol co la Negromantia
     Far servir la diabolica Genia.

[p. 18 modifica]
2

Questo giera Christian, mà renegao
     El s’hà pò doppo dalla vera Fede;
     Si ben, che delle volte el desgratiao
     Le Leze l’missia, e no’l sà quel, che’l crede,
     El staпa in te le Grote retirao
     A far el so Mestier Can senza fede;
     Adesso’l vien sto Battocchio da Forca
     A consegiar el Rê per farla sporca.

3

Sacra Maestà (el diseva) zò desegna
     De gratar’i Christiani à nù la Rogna;
     Mê пù tendemo à nù, lassè, che i vegna,
     Spero, che i scamperà co so Vergogna;
     Sò, che in vù la Braura vive, e regna,
     Sò, che havê fatto vù quel, che bisogna;
     E se ogn’un fraccherà, come’l Rè fracca,
     Credelo, che i Nemighi vuol far Cacca.

4

Mi per mi per giurarve son vegnuo
     No zà con parolette, mà con fatti;
     Mi ve consegierò, come Canuo,
     E farò come Mago i mi gran Atti;
     Commanderò ch’ogni Becco Cornuo
     Di Anzoli negri staga saldi à i patti;
     Mà come vogia scomenzar sta Festa
     Sentì, ve prego, quel, che mi ghò in Testa.

5

Se trova in te la Chiesa de i Christiani
     Un'Altar sotto Terra, che è fornio
     Del Viso della Donna, che quei Cani
     Dise, che l'è la Mare del so Dio;
     Sempre gh'arde una Luse, e coi so vani
     Affetti d'un Cendà i lo tien guarnio;
     Intorno gh’è taccai tanti Quadretti
     De Invodi, che ghà fatto i so Diletti;

6

Mi mo vogio, che vù adesso in persona
     Andè a chior via de là sta so Pittura;
     Ch'in Moschea la mettè con guardia bona
     E mi pò ve voi far una fattura,
     Che pur, che quella mai no se sbandona,
     De perder sta Città no habbiè paura;
     E per alti Secreti al vostro Regno­
     No occorrerà, che i ghe fazza desegno.

7

Dà sto dir persuaso Aladin corre
     In te la Chiefa zoso à tombolon;
     Per mezo i Preti in te l'Altar el scorre,
     E l'Imagine el stacca sto Baron;
     El l'hà portada in quell’indegna Torre,
     Che offende, Pampalughi el gran Paron:
     Ismeno quà sù’l Quadro el parla à sparte,
     E con nefando ardir el fà la so Arte.

[p. 19 modifica]
8

Mà la mattina drio, quel, che ghaueua
     La cura sora lù della Moschea‚
     El Quadro in te'l so liogo no'l vedeva,
     Varda, e revarda, no'l ghè pi per Dea;
     Quando che'l Rè lo sà, pгopio'l pareva
     Dalla gran furia Aletto, ò pur Medea;
     Subito'l stima, che qualche Cristian
     S'habbia volesto impegolar le man.

9

O de qualche Cristian opera sia‚
     O pur del Cielo, che no habbia volesto,
     Che l'Effigie della Madre Maria
     Staga in quel liogo indegno, e desonesto;
     Che se xè in dubio ancora, se sta pia
     Attion l'hà fatta ò’l Cielo, ò un’homo lesto;
     Mà bisogneria creder per affetto,
     Che dell'Amor de Dio el sia stà un’effetto.

10

In conclusion el Rè con gran istanza,
     Che in ogni buso i varda el ghe commette,
     E à chi ghe mostra el Ladro gran Piatanza,
     Gran castigo à chi'l sconde el'ghe promette‚
     Anca Ismen senza gnente de tardanza
     Tutte le forze per saverlo el mette;
     Mà'l Ciel fusse ello, ò fusse altri stao‚
     No hà permeffo, ch’i Incanti habbia operao

11

Mà quando Aladin vede, che una Snada
     No val'el far cercar in ogni banda,
     El salta in beftia, e’l te dà una sbruffada
     Trasportao dà una Colora nefanda,
     Che gnente’l pensa, e via alla desperada
     El xè per far una Vendetta granda;
     Sì sì ('l cria) i Cristiani hà robbà'l Quadro,
     Ma tutti i morirà, e morirà'l Ladro.

12

Morirà frà i Innocenti anca el Furbazzo;
     Ma cossa dighio? Qualo xe Innocente?
     Eh, ch'ogn'un n'è Nemigo, e frà quel mazzo
     Tutti hà buo contra nù cattiva mente;
     L’hà trattà avanti da desgraziadazzo‚
     Si qualcun de sto fatto no sà gnente;
     Via via, Fradelli, vendichè i Paroni,
     Mandê in Agiare tutti sti Ladroni.

13

Cusì sto Can incita la so Fragia,
     E subito i Cristiani l'hà savesto;
     E à tutta quella povera Marmagia
     Dalla paura se ghe slarga el Cesto;
     Defenderse, ne offender sta Canagia,
     Domandar grazia, ò Udienza no ghà sesto
     Tutti i xè perii, e i stà a spettar la Morte;
     Mà all’improviso li hà giutai la Sorte.

[p. 20 modifica]
14

Se trovava frà lori una Puttazza,
     Putta, mà de puttar la xè maura;
     Bella quanto se puol, ma sta gramaza
     La Beltà no la stima, e no la cura;
     La xè tanto dà ben, che la se cazza
     Sempre sotto de Chiave, e Serraura;
     E пo la vuol, che vaga Licardini
     A specular se i occhi è negri, e fini.

15

Mà si ben, che l’è tanto retirada
     Sta so Cautela no ghe giova un figo;
     Che Amor hà fatto che gha dà un’ochiada
     Con so gusto, e piaser un certo Amigo;
     Quell’Amor, quella Bestia budellada,
     Quel Cortesan, quel Birba, quell’Intrigo;
     Da quel commosso un Zoveue galante
     L'hà vista, la ghà piasso, e'l gh'è stà Amante.

16

Lù xè Olindo, e quell’altra, che no ê brutta,
     La se chiama Sofronia‚ e i xè Christiani,
     Lù è timidetto, e’l tien secreta tutta
     La gran fiamma d’Amor, e co Atti strani
     I desiderij el mostra; ma la Putta
     No la li accetta, ò che i ghe xè lontani;
     L'ama, mà'l tase, e un pezzo el fà'l Mestier
     No'l sà quell’altra, ò no la'l vuol saver.

17

Se sente in tanto la cattiva niova
     Del sterminio visin del Popol pio;
     Ghe vien in Testa co una forma niova
     A sta Putta salvar el so Partio;
     La vorria far sta generosa prova,
     Mà la Vergogna Vuol tegnirla in drio;
     La pensa, e al fin la butta in t’un Canton
     El Rossor, e la fà sta gran Attion.

18

La s’hà partio, e l'è andada frà la zente
     Bizarra, e soda, e bella co è una zogia‚
     Co i occhi Ьassi da Putta prudente,
     Ma con maniere, che dà à i Petti dogia;
     No la giera conzada giustio gnente.
     Mà l'haveva un Visetto dà far vogia;
     Che la so caгa, e natural Bellezza
     La se vede si ben, che la la sprezza.

19

Senza vardar nissun la vien davanti
     Al Rè, che tutti la và speculando;
     No la ghà minga el cuor, ò i pie tremanti,
     Si ben la’l vede in rabbia, e furor grando,
     Ma fiera la ghe dise, Vegno avanti
     De vù a mostrarve quel, ch’andè cercando.
     Digo el Ladro Cristian; mà fè, che i Vostri
     No faga in tanto nissun danno a i Nostri.

[p. 21 modifica]
20

A sta Comparsa improvisa, e garbata,
     A sta bellezza fiera, mà gradia,
     El Rè hà sentì una certa affettion grata,
     E tanta rabbia el l’hà scazzada via;
     E se a'l Rè 'l cuor, ò'l Viso alla Puttata
     Giera manco crudel, credo per Dia,
     Che Amor'al Rè metteva le Braghesse;
     Mà ghe vuol Lesca per chiappar el Pesse.

21

Si no è stà Amor, xè stada so Sorella,
     Ch’hà persuaso el Fiero à un può d'affetto
     Sì (el dise) ò là, fermeve, e ti via, bella
     Putta, conta sù tutto netto, e schietto;
     El ladro è quà in sto liogo (la dis'ella)
     Questa'è la man, ch'hà chiolto quel Quadretto;
     Mi son la Ladra, e si hò fallà patienza‚
     Deme, come volè, la Penitenza.

22

Cusì custia con perder la so sola
     Vita la vuol sparagnarghene assae;
     Mà quando le Busie xè de sta Cola,
     Mi ghe n'indormo à dir la veritae;
     Se stupisce Aladin, e no'l se mola,
     Co xè'l solito, à far bestialitae;
     Mà’l ghe domanda; dì senza sparagno,
     Chi te l’hà fatto far; Chi è stà Compagno?

23

La ghe responde, mi no ghò volesto,
     Che nissun s'intrigasse in te'l mio fatto;
     Ma mi sola soletta l'hò savesto,
     Mi sola l'hò pensà, e sola l'hò fatto;
     Lu dise; donca xè’l dover, che presto
     Sbruffa el furor contra ti sola affatto;
     Certo (la dise) si sola à i contenti
     Son stada, hò d'esser sola anca à i tormenti.

2­4

Ma adesso torna'l Rè a esser istizzao‚
     E'l ghe domanda; E'l Quadro dove xello?
     El Quadro (la responde) l’hò brusao,
     E sò, che hò fatto ben, che almanco quello
     Cusì no'l vignerà più strapazzao,
     Nè'l metterè più in te'l vostro Bordello;
     In conclusion, se vù domandè'l Quadro,
     No'l ghe xè; e mi son quà si volè'l Ladro.

25

Si ben, che no hò robbà, ma hò chiolto in drio
     Quello, ch'à nù altri vù n'havevi chiolto,
     Quando Aladin st'antifona hà sentio
     Adesso sì l’è tutto all'Ira volto;
     Bontà, Bellezza, e quanto ghe vien drio
     No ghe fà perdonar puoco, nè molto;
     Che l'è tanto irrabbiao quella Canagia‚
     Che alafè la gha rotto la Fortagia.

[p. 22 modifica]
26

Subito i chiappa sù quella Gramazza,
     E la condanna el Rè a brusarla viva;
     l ghe cava el Cendà‚ e quella zentazza
     Le man da drio co una Corda i ghe stiva;
     Ella no dise gnente poverazza,
     Mà alafê, che l’è più morta ca viva;
     La tien la fazza in zò smorta, e sbattua;
     A che stato sta Grama xe vegnua!

27

Presto se sà per tutto sto gran Caso,
     Tutti vien, e anca Olindo, e i corre a gara;
     Però nissun s'haveva persuaso
     Saver chi fusse sta gran Donna rara;
     Mà imagineve come xè romaso
     Olindo col’hà visto la so Cara;
     Co’l l'hà vista visina a esser brusada,
     L’urta, el corre, el fracassa, el se fa strada.

28

El vien davanti al Rè, e’l cria, No è vero
     Nò, che questa no è Ladгa, che l`è matta;
     No Puol gnanca pensar de far sto fiero
     Fatto, nè ardirlo un tocco de donatta;
     E come halla eseguio’l peniier altiero?
     Come, in che modo hala butao la Tratta?
     Mì, mì so’l ladro, mi’l Quadro hò robbao,
     Ah gran’Amor à quanto ti è arrivao!

29

Doppo’l seguita à dir, Mi fon stà quello,
     Che in la vostra Moschea per un Balcon
     Me son resolto rampegar bel bello
     De notte, e so andà drento a tombolon;
     No occorre, che custia senza cervello
     Vegna a confonder quà le mie rason;
     Mio xè l’honor, e mi ghò da esser morto,
     E nò quella Grammazza cusì a torto.

30

L’afflitta Putta lieva sù el mustazzo,
     La'l varda, e per destorlo la se mette;
     Cos'estu vegnù quà anca ti gramazzo
     Senza bisogno à farte far à fette?
     Che? No ti credi, che a sto Anemalazzo
     Ghe basta far con mi le so vendette?
     Eh, che anca mi son’a bastanza forte
     Per sopportar sta benche fiera morte.

31

Cusì la lo consegia la Compagna,
     Mà per cusarse l'altro alza più’l fiao;
     Questa sì, che è da dir, Puttana Cagna;
     A veder sto contrasto desusao;
     Dove chi perde vine, e chi vadagna
     Subito Vivo ghà da effer brusao;
     Ma quanto quei contende a esser nocesti‚
     Tanto più’l Rè strenze da rabbia i denti.

[p. 23 modifica]
32

Ghe par d'esser burlà, che i so castighi
     Sprezzai in sta forma dà costori el vede;
     Via, via ('l dise) no occorre, che ti dighi
     D'avvantazo, à un', e l'altro se ve crede;
     El ghe fà doppo moto à quei so Amighi,
     Che i lo incaena; Cani senza Fede;
     Tutti do insieme a un Palo i li hà ligai,
     E pò Schena con Schena i li hà voltai.

33

Zà i scomenzava a doperar'el Folo
     Per far più presto, che Bampa lieva;
     Quando quel Gramo pur voltava el Colo
     Per poderla vardar, e'l ghe diseva;
     Ah poverazzo mì che gran stracolo
     Me tocca haver! Ah nò, mai no credeva,
     Che co sta union Amor ne accompagnasse,
     Nè ch'Amor co sto fuogo ne infiamassae.

34

Altri lazzi, altro fuogo me Pensava,
     Che quei, che ne dà adesso la sfortuna;
     In пostra Vita la ne slontanava,
     Mà in Morte la n’hà messo ben'a una;
     Mi de morir no ghe penso una Fava‚
     Che de morirve appresso hò la Fortuna;
     Che frà tante desgrazie no l'è puoco,
     Mà de vù me despiase, caro Toco.

35

Diria d’esser Felice in la mia Morte,
     Refuderia de viver pì un momento‚
     Si havesse in tel morir sta bona sorte,
     Che fenissimo insieme sto tormento;
     Che i vostri Lavri fusse quelle Porte,
     Dove l’ultimo Fiao mandasse drento;
     Saria troppo Beato: mà quell'altra
     Ghe responde con forma santa, e scaltra.

36

Fradello no xè'l tempo de i Concetti,
     Ghe vuol’altro, ca chiacole d’Amor;
     Pensa in che Ponto semo; e i to defetti
     Recordete, e pentissite de Cuor;
     Chiama anzi sti Tormenti benedetti,
     E sopporteli à Gloria del Signor,
     Che’l n’hà dao tanta Gratia all'improviso
     D'acquistar, si volemo, el Paradiso.

37

A ste parole pianze i Turchi istessi,
     Pianze i Cristiani, e ogn’un, che stà à scoltarli,
     Al Rè istesso ghe vien certi reflessi
     Contra el solito per compassionarli;
     Mà i ghe despiase, e’l li tien drento oppressi,
     Anzi'l se sparte per no più vardarli‚
     Cusì pianta dà tutti la gran Putta
     La gha ella sola la Palpiera sutta.

[p. 24 modifica]
38

Mentre in sto stato i xè vien’un Soldao,
     Mà no minga de quei, che ghà la Tegna;
     Alla moda, che l’è vestio, e armao
     Par, che d’andar viazando ghe convegna;
     In cima la Celada el ghà impiantao
     Una Tigre, che xè celebre Insegna,
     Che Clorinda famosa la portava,
     E che la fusse ogn’un zà se'l pensava.

39

Ella la giera, che contra l’usanza
     Delle Femene all’Ozio accostumae,
     La se armava la Schena, el Cao, e la Panza
     Vogiosa, e pronta à far delle Bravae,
     A torziando l'andava, e con costanza
     L’hà mantegnuo la so Verzinitae;
     Sempre con brutto Pegio la hà volesto
     Fiera parer,e fiera l’hà paresto.

40

Infin da Putta la xè andada à Scuola,
     No minga à cuser d’Agiare, ò à Mazzette,
     Mà à saltar à Caval co una Cauriola,
     A trar de Scrimia con le Braghe stlrette;
     Alla Cazza in Montagne, e in Boschi sola
     I Orsi, e i Lioni la tagiava à fette;
     E in le Battagie adesso l’è più fiera
     De Aletto, de Tesìfone, e Megera.

41

Quella Folla à custia ghe fa Spaliera,
     Davanti ogn’un ghe sbratta la Campagna;
     La vede della Putta la Palpiera
     Sutta, e che’l Maschio le Ganaste el bagna;
     Ma la lo vede à pianzer in maniera,
     Che ghe despiase el mal della compagna;
     E che quella no muove i Occhi un pelo,
     Che la i tien fissi a contemplar el Cielo.

43

Gh’è vegnuo compassion alla Soldada,
     La s’hà voltao pianzando dà una banda;
     Mà la se sente più compassionada
     Dalla Putta per la costanza granda;
     Dà un certo desiderio trasportada
     A un Vecchio à ella visin la ghe domanda,
     Caro Pare diseme chi è costori?
     E contème, mà subito i so errori.

[p. 25 modifica]
44

Quel brevemente ghe stende la Rima,
     E de tutto el la informa in t'un momento;
     Ella se maravegia, e zà la stima,
     Che ingiusto a tutti dò xè quel tormento;
     Si che la stabilisce per la prima
     Per liberarli metterse al cimento;
     E’l Fuogo zà visin alle Raise
     La fà fermar, e à i Zaffi la ghe dise.

45

O là fermave tutti; e ve commetto,
     Che nissun proseguissa sta facenda,
     Fin che co’l Rè no parlo, e ve prometto
     De far, che per st'Attion no’l ve reprenda;
     Colori s’hà fermà, ch’i hà buo respetto
     A quella Maestà fiera, e tremenda;
     Doppo la và dà’l Rè, che cognossua
     El ghe vegniva à dir; Sieu ben vegnua.

46

La ghe dise, Sappiè, che mi soп quella
     Clorinda forsi nota in ste Contrae;
     E cusì, come son grama Donzella,
     Saverè, si sò far delle Bravae;
     Son quà con la mia Vita, doperella
     In defesa de vù, e della Cittae;
     Drento, defuora, in te la Piova, a sutto‚
     Commandeme, che mi anderò per tutto.

47

Cusì la parla; e'l Vecchio Rè ghe dise,
     Qual’è quel liogo mai cusì lontan,
     Che no ghe sia arrivà, care Raise,
     L’Ose de quel, che puol le vostre Man?
     Adesso sì, che me chiamo felise,
     Che m’assiste’l Valor vostro sovran;
     E ve zuro, che tanto in stima ve hò,
     Quanto trè Fille de San Nicolò.

48

Vegna i Nemighi pur, no vedo l'hora,
     Adesso no gho zà più filo un petto;
     E si volè co nù altri farla fuora
     Sarè amada, e servia co ogni respetto;
     Delle mie fille in tanto sè Priora,
     E chi xè à mi, sarà anca a vù soggetto
     Cusì ghe dise'l Vecchio pien d’ardir;
     Ella’l ringrazia, e la ghe torna à dir.

49

Veramente par stranio avanti tratto,
     Che i Operarij vogia esser pagai;
     Mà in la vostra Bontà me fido affatto;
     Ve prego, che me dè quei Condannai;
     Ve i domando, donemeli, ò se’l fatto
     Xè ancora dubio, à torto ì è castigai;
     Mà mi no digo se i xè Ladri, ò no,
     Che mi no vogio dir quel, che no sò.

[p. 26 modifica]
50

Mà digo noma,che quà tutti chiarla,
     Che i Cristiani gha fatto sporco in ballo;
     Mi nò, che no l’intendo, e per mi parla
     Sta rason, che ve butta da Cavallo;
     Che chior quella Pittura, e pò portarla
     In la nostra Moschea l’è stà un gran fallo;
     Perchè commanda schietto l'Alcoran,
     Che à Statue,e Quadri no se daga man.

51

Sì che mi digo, che’l mio gran Maometto
     Via de là quell’Imagine el l'hà mossa‚
     Per far veder, che quello è un gгan defetto,
     Un Peccà, una so Offesa granda, e grossa;
     E pò, mi ve la digo, parlo schietto,
     Che no ghò pelo in Lengua; Saveu cossa?
     Lassè, che Ismeno fazza Strigarie,
     Mà le Arme nù n’hà dà tegnir in pie.

52

Quà la se ferma; e’l vecchio Rè, che tutto
     Contra i Gramazzi el giera inviperio,
     Dal parlar de custia el se xè ridutto
     A liberarli da quel caso rio;
     Si che’l dise; La Zovene, e anca el Putto
     Desligheli; cusì sia stabilio;
     A Clorinda ghe i dono delinquenti‚
     Alla Giustitia se i fusse Innocenti.

53

Cusì s'hà liberà quei Poverazzi;
     Mà de Olindo ala fè la xè curiosa, ­
     Che doppo, che’l s’hà messo in st'imbarazzi
     Per Amor de la so cara Morosa
     El ghà acquistà el so affetto, e con i lazzi
     Del Matrimonio el se l'hà fatta Sposa;
     Che zà ch'insieme i hà scapulao la Morte
     La se contenta viverghe consorte.

54

Mà quel Can de quel Rè, che ghà paura
     D’aver Nemiga à lù tanta costanza‚
     El se destriga, e'l zioga alla sigura,
     El commanda, che i vaga in lontananza;
     E perchè gnanca di altri el se segura
     Tutti el li manda via con fiera usanza,
     I Fioli se slontana da so Mare,
     Dal Mario la Mugier, e da so Pare.

55

Mà l'è ’l gran Ladro! Noma quelli el scazza,
     Che xè homeni, ò sapienti, ò Valorosi;
     E per più sigurarse sta Mandriazza
     Le Donne el tien, e i Putti dolorosi;
     Chi và quà, chi và là; gh’è chi se cazza,
     E se unisse co i Nostri Vittoriosi;
     E questi in Emaus con gran contento
     I li hà cattai quel dì, ch'i andava drento.

[p. 27 modifica]
56

Una Città xè questa, che lontana
     L’è da Gerusalem meza zornada;
     Che si un se parte alla prima Campana
     Giusto el gh'arriva à Tola parecchiada;
     I Nostri alliegri per sta Caravana
     No i vede l’hora terminar sta strada,
     Mà perche’l Sol verso del Maг fà'l salto
     Quà Goffredo se ferma, e’l fà far Alto.

57

I Pali per le Tende zà impiantai
     Tutti ghaveva, e zà giera tardoto;
     Quando verso de lori incaminai
     I vede dò, che vien dà Ciel remoto;
     Dà tutto el Campo Amighi i xè stimai,
     Che dà Nemighi no i ghe fava moto;
     Del Rè d’Egitto i giera Ambassadori,
     E i ghaveva una man de Servitori.

58

Uno ghà nome Alete, che nassuo
     El xè da zente grama, e poveгazza;
     Mà con le Astuzie à tanto lè vegnuo,
     Che'l ghà de i primi Honori della Piazza;
     Per Birba, e Cabulon l'è cognossuo‚
     Doppio co xe le Ceole; e sta Mandriazza
     Quando co i so Fioretti el ve casona
     Par, che'l vogia lodarve, e'l ve cordona,

59

Argante l'altro xè, che via de Casa
     L’hà sbandonao le bande Cittadine;
     E perche della Guerra el sà la Rafa
     D’Egitto l’hà le Dignità più fine;
     I solazzi più cari, che ghe piasa
     Xè le Guerre, e le Ruine;
     Ogni Bravazzo contra lù xè un Piavolo,
     L’è un Mostro, un Marte, una gran Bestia, ­un Diavolo.

60

Questi à Goffredo ghe domanda Udienza,
     E i ghe concede subito l'Intrada;
     I vede quella celebre Presenza
     In sentar, e in vestir tutta humiliada;
     Mà la Braura soa, la so Potenza
     La se cognosse ben, benche sprezzada;
     Argante fiero el lo saluda à pena,
     Che zà sta Mandria ogn’un el spetta à cena.

61

Mà se mette le Man’Alete al petto,
     La Testa, e le Palpiere el sbassa à i pie;
     E con mostrar un riverente affetto
     El lo honora con forme assae gradie;
     Doppo el scomenza à dir el so Concetto
     Con bei Reziri, e chiacole indolcie;
     E i Nostri, che la Lengua zà i ghaveva,
     I hà inteso che cusì el la descorreva.

[p. 28 modifica]

­

62

O degno Capurion de sta gran Fragia,
     Che v'ha scielto fra ogn'un per so Sostegno;
     E che ghà cognossù in ogni Battagia
     L’honor dà i vostri Brazzi, e vostro Inzegno;
     Zà'l vostro Nome ghà passao la Ragia,
     El scorre in ogni liogo, in ogni Regno;
     E per tutto l’Egitto se menzona
     El valor vostro degno de Corona.

63

Tutti chì sente la vostra Braura
     Maravegiai i alza le Cegie, e i tase,
     Mà’l mio Rè, come fuora de misura
     El se ne maravegia, e la ghe piase;
     E de quella, che i altri ghà paura,
     Lù gode, e de contarla el se compiase;
     E si ben, che per Leze el v’è Nemigo
     El ve vuol ben, e’l ve vuol per Amigo.

64

Donca per sta rason el ve inquerisse,
     Che fè con lù una Pase, e Lega stagna;
     E si diversa Fede ve spartisse,
     Fè, che ve unissa la Virtù Compagna;
     Mà perchè co Aladin el presentisse,
     Che volè farla fuora sta Campagna;
     Però el ve fa saver per nù el so intento
     Prima, che ve andè à metter al cimento.

65

E lù dise cusì, che vostro affatto
     Sia quel, che havè savesto vadagnar;
     Mà’l ve lo lassa goder co sto patto,
     Che Aladin, e i so Amighi lassè star;
     E si qualcun con vù fasse mai'l matto,
     Ello ve saverà ben sostentar,
     E si vù dò se uniti, ve prometto,
     Ch’ogni Nemigo mi no’l stimo un petto.

66

Sentì, Sior, certo vù havè fatto assae,
     E presto, che sarè sempre famoso;
     Havè mazzà, chiappà, Zente, Cittae,
     Havè patì ogni strussio doloroso:
     Tutte le Terre xe maravegiae
     Sentendo’l Valor vostro Glorioso;
     Podè ancora sperar qualche Vittoria,
     Ma no podè certo avanzar in Gloria.

67

Vù sè Glorioso quanto mai se puol,
     Però à far Guerra no ghabbiè più brama,
     Perchè vadagnè pur quanto se vuol,
     Che più glorioso mai nissun ve chiama;
     Mà si’l Diavolo fà, come, che'l suol,
     Che perdè; perdè'l Stato, e anca la Fama;
     Penseghe vù mo, se ve torna conto
     Arisegharve, e metterve à sto ponto.

[p. 29 modifica]
68

Mà sento ben mi, che haverè Consegi,
     Che delle volte, e spesso i rompe el Colo,
     Che vù altri zà godè sti Privilegi,
     Che à vù i Nemighi no resiste un colo;
     Che i Cuori generosi, e i Petti egregi
     Per commandar i se sparpagna à sguolo;
     E questi forsi haverà tanto fiao
     De farve in te la Guerra star taccao;

69

I ve dirà, che ghe chiappè i Cavei
     Alla Sorte fin che la ghavè à i pie;
     E che no fè, come che fà i Putei,
     Impiantar co i vadagna do Partie;
     Mà che andè drio desfando sti Rebei,
     Che no i possa mai più metterse in pie,
     Belle rason, e belle parolette
     Per farve pò far Cacca in le Calzette.

70

Ma se ghe penserè con la Rason,
     Che no habbiè in Testa Fumo, e Bizaria;
     Cognoscerè, che ghaverè occasion,
     Se fè la Guerra, d’haver zelosia;
     Che la Fortuna mai la stà su un Toп.
     La dà, la tiol, la vien, e la và via;
     E quando se và in sù con tanto chiaffo,
     Facilmente per Dia se casca a baffo.

71

Diseme caro vù; Si vien'incontra
     A vù altri'l nostro Rè pien d’Arme, e Bruo;
     E si d'unirse insieme pò s’incontra
     Tutti i Nemighi, che fin quà havè buo;
     Cossa fareu? Come gh’andereu contra?
     Da chi spereu un’agiuto, ò un Ьen vegnuo?
     Ah sì, sì; vù sperè in te’l Rè Gregugna,
     Che l'hà zurà d’esser con vù in sta Pugna.

72

O poveretto mi! Chi no cognosse
     I Greghi per Sassìni, e per Furfanti?
     Savè pur se i v’hà fatto haver l'angosse,
     Se i v’è stai Traditori sti Birbanti;
     E co volevi’l passo no v’hai mosse
     Le Arme incontro, acciò no andessi avanti?
     Donca chi v’hà volesto sterminar
     Vorrà adesso per vù farse mazzar?

73

Mà vu no ghe dè un bezzo gnanca d'Ello,
     Ve fidè in st'invincibili Soldai;
     Donca sperè mandar tutti al Bordello
     Uniti, come prima separai?
     Savè si'l vostro Esercito è più quello,
     Savè quanti ghe n’è Morti, e Amalai;
     E me'l saverè dir quando vien via
     E l’Egitto, e la Persia, e la Turchia.

[p. 30 modifica]
74

Mà via; Tutti da vù sarà destrutti‚
     Ogn’un al valor vostro cederà;
     Al mal partio i Nostri xè redutti.
     Come, che vù pensè, cusì sarà;
     Mà diseme, ve prego, si andè sutti,
     Che le Arme mai no ve supererà;
     Cossa fareu mo contra della Fame?
     Le Braure alafe, che quà le è grame.

75

Questi del Liogo hà sterminà el Paese‚
     I ghà brusao ogn’Arboro, ogni Pianta;
     E i ghà serrao, che sarà più d'un Mese
     De i Steri de magnar mille, e millanta;
     Vù, che sè vegnuo quà senza contese,
     Come sostentereu sta zente, e tanta?
     Dirè; L’Armada in Mar ghà ogn'Alimento;
     Ben; donca el viver vosto stà in te'l Vento?

76

Possibile, che habbiè tanta Fortuna‚
     Che anca i Venti ve serva, e ve obedissa!
     Che quel Mar, che no ascolta mai nissuna
     Preghiera, vù’l ve senta, e’l v’esaudissa!
     Mà, e i nostri unij no i poderà far’una
     Armada della vostra assae più fissa?
     No credè haverli sempre alle Culatte?
     E no credè, che i menerà le Zatte?

77

Bisogna, che in do lioghi vadagnè,
     E si perdè in t’un solo sè spedio;
     Perche se in Mar perdè, e che quà venzè,
     Sta venzita no la ve val'un Fio......
     E pò se in Maг venzè, e che quà perdè,
     Vardè se se redutto à bon partio;
     E quà no occorre scoпderse drio un deo,
     Se in t'un liogo perdè, sè in Campaneo.

78

Mà si con sti Argomenti schietti, e chiari
     No ve persuado à confermar la Pase;
     Contenteve, che’l diga, in sti daffari
     Per el bon verso no intendè la Frase;
     E se i vostri pensieri xè contrari
     Alla quiete, e Union, che à tutti piase,
     Prego’l Ciel, ghe ve tioga via st'inganni‚
     Che se fenissa un dì tanti malanni.

79

E vù altri, che con ello à Tola tonda
     Se stai e in ti pericoli, e in la gloria;
     No fè, perchè sè andai fin quà à segonda,
     Che ve salta in la Testa Vanagloria;
     Mà zà, che la Prudenza in vù altri abonda,
     No ve confidè tanto in la Vitoria;
     E si l'havè portada fuora netta
     No cerchè Intrighi co la Candeletta.

[p. 31 modifica]
80

Cusì hà fenio'l parlar l'Ambassador,
     Che i l'hà seguio co un barbottar confuso;
     E che à nissun пo'l dava in te l'umor
     I lo mostrava, che i strozeva el muso;
     Mà Goffredo, che zà gha visto el cuor
     De i so Capi vardandoli in te'l Muso‚
     Verso Alete, che hà fatto la Proposta,
     El se volta, e’l ghe rende sta Resposta.

81

Compare caro, me l'havè cantada
     Hora dolce, hora garba in ogni muodo;
     Se’l vostro Rè vuol ben alla mia Armada,
     L’è un Galantomo; anca mi ello el lodo;
     Mà daresto pò intorno alla sonada
     De tanta Guerra, ve rebatto el Chiodo;
     E in t'un momento presto ve destrigo‚
     Zà mi à i Fioretti go ghe tendo un Figo.

82

Sappiè, che nù s'havemo suà i Persutti‚
     E tante strussie havemo sopportae,
     Solamente per vederse reduttì
     Vicini un zorno à quella gran Cittae,
     Che con l'agiuto de chi puode à tutti
     Volemo farghe haver la libertae;
     E la la ghaverà, piasendo al Cielo,
     Si credessimo ogn'un lassarghe el Pelo.

83

Che nù no semo minga quà vegnui
     Per Superbia, Ambizion, ò Avarizia;
     Dio ne libera; grami mai nassui,
     Si qualcuno ghà in Testa sta Malizia;
     E si ghe n’è da ste Peste imbevui‚
     Prego Dio, e la pietosa soa Giustitia,
     Che'l ghe conceda tanto lume, e Grazia,
     Che fuora i fia cavai da sta desgrazia.

84

Dio Benedetto n'hà insegnao la trazza,
     De vegnir quà, e fin quà el n’hà custodio;
     Lù fà, che’l Giazzo scalda, e’l Caldo giazza,
     Lù fa el monte trottaг, feгmarse el Rio;
     Lù in mezo alle Tempeste el fà Bonazza,
     Lù è quel, che manda i Venti avanti, e in drio;
     Lù fà chiappar ogni forte Cittae,
     Lù fà desfar le più superbe Armae.

85

Lù dà forza, e Valor, lù dà Speгanza,
     Tutto lù fà, che nù no femo gnente ­
     E quanta zente ghe xè in Grecia, e in Franza
     No le spua in terra, si lù no’l consente;
     Si che se lù è con nù, co ogni fidanza
     A tutto el Mondo no mettemo à mente;
     E chi sà quel, che’l nostro Dio sà far‚
     No’l vuol nissun, che ghe vegna à tettar.

[p. 32 modifica]
86

Mà si da Dio saremo abandonai
     Per soi Secreti, ch'i Homeni no spia,
     O per castigo dei nostri Peccai;
     Dove Dio è morto chi no moriria?
     Si anderemo à far terra da Boccai,
     Zò tireremo della Compagnia;
     Ghaverà ben che far anca el Nemigo;
     E à nù el morir no'l ne despiase un Figo.

87

Mà no pensessi minga, che vogiemo
     Tirar la Guerra drento la Fenestra,
     Che volentiera Amighi nù saremo
     Del vostor Rè, e se'l tigneremo à destra;
     Mà se lù no hà da far dove, che andemo,
     Cossa vuollo intrigarne la Manestra?
     Eh diseghe, che aliegro el disna, e'l cena,
     Eh che no'l cerca Maria per Ravena.

88

Al fiero Argante tanto ghe despiase
     Sta Risposta, che pien d'Ira, e despetto,
     El se fà avanti, e tutti i altri tase,
     E in sta forma el ghe dise el so concetto;
     Ghabbia la Guerra chi no vuol la Pase;
     Zà sempre à i Intrighi gh'è stà fatto acetto
     E par ben, che vù siè un'Intrigamondo,
     Che bisogna, che parla anca el Segondo.

89

Pò'l chiappa la so Vesta giusto come
     Si ghe dasse qualcun dei Confettini,
     E con Muso da far à diese Rome
     Timor'el dà in sti mò mò sopra fini;
     O vù, che havè la Sorte in te le Chiome,
     Quà gh'è de Guerra, e Pase i Bolettini,
     Cavè qual, che volè, mà no fè Torta,
     Penseghe vù, che à nù puoco ne importa.

90

Tutti i Capi da sto Atto stomegai
     Subito i gha criao; Sì Guerra Guerra;
     E per criarlo tanto presti i è stai,
     Che'l parlar à Goffredo in bocca i serra;
     Culù hà buttà la Vesta zò al so Lai;
     E ve desfido (el dise) à mortal Guerra;
     El l'hà ditto con forma tanto tressa,
     Che da paura un s'hà pissà in Braghessa.

91

Da sto moto, e sto dir par, che saltasse
     Ogni Malanno fuora in t'un instante;
     E che Chiribin lesto ghe cazzasse
     El so Coin per farlo più Furfante;
     Credo, che giusto in sta Maniera stasse
     Nembrot in Babilonia quel Zigante;
     Quel Pampalugo, che voleva un deo
     Metter'in Cielo, e xè cascà in Caneo.

[p. 33 modifica]
92

Mà Goffredo responde; Ben; diseghe
     Al vostro Rè, che la Guerra accettemo;
     Che'l vegna; e si'l stà troppo replicheghe,
     Che dove l'è à trovarlo vigneremo;
     Doppo el regala tutti dò i Colleghe
     Con Ceremonie, e honor dà Sior supremo;
     Alete ghà buo in dono una Celada,
     Che Goffredo in Nicea la ghà raspada.

93

Al fiero Argante una Spada el ghà dao
     Con el Manego d'Oro, e de Diamanti;
     Bella assae più per el Laorier stimao,
     Che per el prezio de molti Contanti;
     Mà doppo, che quel Diavolo hà vardao
     Trè, quattro volte per dà drio, e davanti,
     El ghe dise à Goffredo; Ve protesto
     De farghe honor à sto presente, e presto.

94

Doppo con Ceremonie i chiol partenza,
     E Argante all'altro ghe dise, Fradello,
     Vù no havè più bisogno de assistenza,
     Sò che havè bon Giudizio, e bon Cervello;
     Andè a dar la Risposta à so Selenza,
     Che mi a Gierusalem vago bel bello;
     Perche à dirvela schietta mi hò pensier
     De tagiarghene à fette più d'un Per.

95

In sta maniera st'Aseno in t'un tratto
     D'Ambassador Nemigo'l ghe deventa;
     E no'l ghe dà una Snada si per st'Atto
     De là dà Strà i lo manda sù la Brenta,
     Cusì con pressa el marchia via de fatto
     A tutta notte senza strussia, ò stenta;
     Alete, che'l lo vede zà partio
     Anch'ello'l se resolve andar con Dio.

96

Giera la Notte, che nissun rumor
     No se sentiva in te'l nostr'Orizonte;
     Tutti i Pessi, che xè in te'l falso humor,
     In Mar, in Fium', in Lago, in Stagno, in Fonte
     Le Bestie in Boschi, in mandrie dal Pastor,
     I Oselli in Cheba, sù i Arbori, ò sù'l Monte;
     E quanti al Mondo gh'è, che sia Anemai,
     Tutti stava quieti indormenzai.

97

Noma el nostro Goffredo, e la so Fragia
     Sta Notte de dormir no i fà desegno;
     Perche hà gran vogia tutta la Marmagia
     De veder de quel zorno qualche segno,
     Che hà da mostrarghe al fin quella Muragia,
     Per la qual'i è vegnui fin à sto Segno;
     E i stà à Penello co una Recchia in sù,
     Se i sente el Gallo a far Cù cù rucù.

Il fine del Secondo Canto.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola/Canto_secondo&oldid=55751"