Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/49

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


80

Cusì hà fenio'l parlar l'Ambassador,
     Che i l'hà seguio co un barbottar confuso;
     E che à nissun пo'l dava in te l'umor
     I lo mostrava, che i strozeva el muso;
     Mà Goffredo, che zà gha visto el cuor
     De i so Capi vardandoli in te'l Muso‚
     Verso Alete, che hà fatto la Proposta,
     El se volta, e’l ghe rende sta Resposta.

81

Compare caro, me l'havè cantada
     Hora dolce, hora garba in ogni muodo;
     Se’l vostro Rè vuol ben alla mia Armada,
     L’è un Galantomo; anca mi ello el lodo;
     Mà daresto pò intorno alla sonada
     De tanta Guerra, ve rebatto el Chiodo;
     E in t'un momento presto ve destrigo‚
     Zà mi à i Fioretti go ghe tendo un Figo.

82

Sappiè, che nù s'havemo suà i Persutti‚
     E tante strussie havemo sopportae,
     Solamente per vederse reduttì
     Vicini un zorno à quella gran Cittae,
     Che con l'agiuto de chi puode à tutti
     Volemo farghe haver la libertae;
     E la la ghaverà, piasendo al Cielo,
     Si credessimo ogn'un lassarghe el Pelo.

83

Che nù no semo minga quà vegnui
     Per Superbia, Ambizion, ò Avarizia;
     Dio ne libera; grami mai nassui,
     Si qualcuno ghà in Testa sta Malizia;
     E si ghe n’è da ste Peste imbevui‚
     Prego Dio, e la pietosa soa Giustitia,
     Che'l ghe conceda tanto lume, e Grazia,
     Che fuora i fia cavai da sta desgrazia.

84

Dio Benedetto n'hà insegnao la trazza,
     De vegnir quà, e fin quà el n’hà custodio;
     Lù fà, che’l Giazzo scalda, e’l Caldo giazza,
     Lù fa el monte trottaг, feгmarse el Rio;
     Lù in mezo alle Tempeste el fà Bonazza,
     Lù è quel, che manda i Venti avanti, e in drio;
     Lù fà chiappar ogni forte Cittae,
     Lù fà desfar le più superbe Armae.

85

Lù dà forza, e Valor, lù dà Speгanza,
     Tutto lù fà, che nù no femo gnente ­
     E quanta zente ghe xè in Grecia, e in Franza
     No le spua in terra, si lù no’l consente;
     Si che se lù è con nù, co ogni fidanza
     A tutto el Mondo no mettemo à mente;
     E chi sà quel, che’l nostro Dio sà far‚
     No’l vuol nissun, che ghe vegna à tettar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/49&oldid=59951"