Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/43

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


44

Quel brevemente ghe stende la Rima,
     E de tutto el la informa in t'un momento;
     Ella se maravegia, e zà la stima,
     Che ingiusto a tutti dò xè quel tormento;
     Si che la stabilisce per la prima
     Per liberarli metterse al cimento;
     E’l Fuogo zà visin alle Raise
     La fà fermar, e à i Zaffi la ghe dise.

45

O là fermave tutti; e ve commetto,
     Che nissun proseguissa sta facenda,
     Fin che co’l Rè no parlo, e ve prometto
     De far, che per st'Attion no’l ve reprenda;
     Colori s’hà fermà, ch’i hà buo respetto
     A quella Maestà fiera, e tremenda;
     Doppo la và dà’l Rè, che cognossua
     El ghe vegniva à dir; Sieu ben vegnua.

46

La ghe dise, Sappiè, che mi soп quella
     Clorinda forsi nota in ste Contrae;
     E cusì, come son grama Donzella,
     Saverè, si sò far delle Bravae;
     Son quà con la mia Vita, doperella
     In defesa de vù, e della Cittae;
     Drento, defuora, in te la Piova, a sutto‚
     Commandeme, che mi anderò per tutto.

47

Cusì la parla; e'l Vecchio Rè ghe dise,
     Qual’è quel liogo mai cusì lontan,
     Che no ghe sia arrivà, care Raise,
     L’Ose de quel, che puol le vostre Man?
     Adesso sì, che me chiamo felise,
     Che m’assiste’l Valor vostro sovran;
     E ve zuro, che tanto in stima ve hò,
     Quanto trè Fille de San Nicolò.

48

Vegna i Nemighi pur, no vedo l'hora,
     Adesso no gho zà più filo un petto;
     E si volè co nù altri farla fuora
     Sarè amada, e servia co ogni respetto;
     Delle mie fille in tanto sè Priora,
     E chi xè à mi, sarà anca a vù soggetto
     Cusì ghe dise'l Vecchio pien d’ardir;
     Ella’l ringrazia, e la ghe torna à dir.

49

Veramente par stranio avanti tratto,
     Che i Operarij vogia esser pagai;
     Mà in la vostra Bontà me fido affatto;
     Ve prego, che me dè quei Condannai;
     Ve i domando, donemeli, ò se’l fatto
     Xè ancora dubio, à torto ì è castigai;
     Mà mi no digo se i xè Ladri, ò no,
     Che mi no vogio dir quel, che no sò.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/43&oldid=59945"