Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


20

A sta Comparsa improvisa, e garbata,
     A sta bellezza fiera, mà gradia,
     El Rè hà sentì una certa affettion grata,
     E tanta rabbia el l’hà scazzada via;
     E se a'l Rè 'l cuor, ò'l Viso alla Puttata
     Giera manco crudel, credo per Dia,
     Che Amor'al Rè metteva le Braghesse;
     Mà ghe vuol Lesca per chiappar el Pesse.

21

Si no è stà Amor, xè stada so Sorella,
     Ch’hà persuaso el Fiero à un può d'affetto
     Sì (el dise) ò là, fermeve, e ti via, bella
     Putta, conta sù tutto netto, e schietto;
     El ladro è quà in sto liogo (la dis'ella)
     Questa'è la man, ch'hà chiolto quel Quadretto;
     Mi son la Ladra, e si hò fallà patienza‚
     Deme, come volè, la Penitenza.

22

Cusì custia con perder la so sola
     Vita la vuol sparagnarghene assae;
     Mà quando le Busie xè de sta Cola,
     Mi ghe n'indormo à dir la veritae;
     Se stupisce Aladin, e no'l se mola,
     Co xè'l solito, à far bestialitae;
     Mà’l ghe domanda; dì senza sparagno,
     Chi te l’hà fatto far; Chi è stà Compagno?

23

La ghe responde, mi no ghò volesto,
     Che nissun s'intrigasse in te'l mio fatto;
     Ma mi sola soletta l'hò savesto,
     Mi sola l'hò pensà, e sola l'hò fatto;
     Lu dise; donca xè’l dover, che presto
     Sbruffa el furor contra ti sola affatto;
     Certo (la dise) si sola à i contenti
     Son stada, hò d'esser sola anca à i tormenti.

2­4

Ma adesso torna'l Rè a esser istizzao‚
     E'l ghe domanda; E'l Quadro dove xello?
     El Quadro (la responde) l’hò brusao,
     E sò, che hò fatto ben, che almanco quello
     Cusì no'l vignerà più strapazzao,
     Nè'l metterè più in te'l vostro Bordello;
     In conclusion, se vù domandè'l Quadro,
     No'l ghe xè; e mi son quà si volè'l Ladro.

25

Si ben, che no hò robbà, ma hò chiolto in drio
     Quello, ch'à nù altri vù n'havevi chiolto,
     Quando Aladin st'antifona hà sentio
     Adesso sì l’è tutto all'Ira volto;
     Bontà, Bellezza, e quanto ghe vien drio
     No ghe fà perdonar puoco, nè molto;
     Che l'è tanto irrabbiao quella Canagia‚
     Che alafè la gha rotto la Fortagia.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/39&oldid=59941"