Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/51

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


92

Mà Goffredo responde; Ben; diseghe
     Al vostro Rè, che la Guerra accettemo;
     Che'l vegna; e si'l stà troppo replicheghe,
     Che dove l'è à trovarlo vigneremo;
     Doppo el regala tutti dò i Colleghe
     Con Ceremonie, e honor dà Sior supremo;
     Alete ghà buo in dono una Celada,
     Che Goffredo in Nicea la ghà raspada.

93

Al fiero Argante una Spada el ghà dao
     Con el Manego d'Oro, e de Diamanti;
     Bella assae più per el Laorier stimao,
     Che per el prezio de molti Contanti;
     Mà doppo, che quel Diavolo hà vardao
     Trè, quattro volte per dà drio, e davanti,
     El ghe dise à Goffredo; Ve protesto
     De farghe honor à sto presente, e presto.

94

Doppo con Ceremonie i chiol partenza,
     E Argante all'altro ghe dise, Fradello,
     Vù no havè più bisogno de assistenza,
     Sò che havè bon Giudizio, e bon Cervello;
     Andè a dar la Risposta à so Selenza,
     Che mi a Gierusalem vago bel bello;
     Perche à dirvela schietta mi hò pensier
     De tagiarghene à fette più d'un Per.

95

In sta maniera st'Aseno in t'un tratto
     D'Ambassador Nemigo'l ghe deventa;
     E no'l ghe dà una Snada si per st'Atto
     De là dà Strà i lo manda sù la Brenta,
     Cusì con pressa el marchia via de fatto
     A tutta notte senza strussia, ò stenta;
     Alete, che'l lo vede zà partito
     Anch'ello'l se resolve andar con Dio.

96

Giera la Notte, che nissun rumor
     No se sentiva in te'l nostr'Orizonte;
     Tutti i Pessi, che xè in te'l falso humor,
     In Mar, in Fium', in Lago, in Stagno, in Fonte
     Le Bestie in Boschi, in mandrie dal Pastor,
     I Oselli in Cheba, sù i Arbori, ò sù'l Monte;
     E quanti al Mondo gh'è, che sia Anemai,
     Tutti stava quieti indormenzai.

97

Noma el nostro Goffredo, e la so Fragia
     Sta Notte de dormir no i fà desegno;
     Perche hà gran vogia tutta la Marmagia
     De veder de quel zorno qualche segno,
     Che hà da mostrarghe al fin quella Muragia,
     Per la qual'i è vegnui fin à sto Segno;
     E i stà à Penello co una Recchia in sù,
     Se i sente el Gallo a far Cù cù rucù.

Il fine del Secondo Canto.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/51&oldid=59030"