Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/46

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


­

62

O degno Capurion de sta gran Fragia,
     Che v'ha scielto fra ogn'un per so Sostegno;
     E che ghà cognossù in ogni Battagia
     L’honor dà i vostri Brazzi, e vostro Inzegno;
     Zà'l vostro Nome ghà passao la Ragia,
     El scorre in ogni liogo, in ogni Regno;
     E per tutto l’Egitto se menzona
     El valor vostro degno de Corona.

63

Tutti chì sente la vostra Braura
     Maravegiai i alza le Cegie, e i tase,
     Mà’l mio Rè, come fuora de misura
     El se ne maravegia, e la ghe piase;
     E de quella, che i altri ghà paura,
     Lù gode, e de contarla el se compiase;
     E si ben, che per Leze el v’è Nemigo
     El ve vuol ben, e’l ve vuol per Amigo.

64

Donca per sta rason el ve inquerisse,
     Che fè con lù una Pase, e Lega stagna;
     E si diversa Fede ve spartisse,
     Fè, che ve unissa la Virtù Compagna;
     Mà perchè co Aladin el presentisse,
     Che volè farla fuora sta Campagna;
     Però el ve fa saver per nù el so intento
     Prima, che ve andè à metter al cimento.

65

E lù dise cusì, che vostro affatto
     Sia quel, che havè savesto vadagnar;
     Mà’l ve lo lassa goder co sto patto,
     Che Aladin, e i so Amighi lassè star;
     E si qualcun con vù fasse mai'l matto,
     Ello ve saverà ben sostentar,
     E si vù dò se uniti, ve prometto,
     Ch’ogni Nemigo mi no’l stimo un petto.

66

Sentì, Sior, certo vù havè fatto assae,
     E presto, che sarè sempre famoso;
     Havè mazzà, chiappà, Zente, Cittae,
     Havè patì ogni strussio doloroso:
     Tutte le Terre xe maravegiae
     Sentendo’l Valor vostro Glorioso;
     Podè ancora sperar qualche Vittoria,
     Ma no podè certo avanzar in Gloria.

67

Vù sè Glorioso quanto mai se puol,
     Però à far Guerra no ghabbiè più brama,
     Perchè vadagnè pur quanto se vuol,
     Che più glorioso mai nissun ve chiama;
     Mà si’l Diavolo fà, come, che'l suol,
     Che perdè; perdè'l Stato, e anca la Fama;
     Penseghe vù mo, se ve torna conto
     Arisegharve, e metterve à sto ponto.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/46&oldid=59948"