Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/36

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


2

Questo giera Christian, mà renegao
     El s’hà pò doppo dalla vera Fede;
     Si ben, che delle volte el desgratiao
     Le Leze l’missia, e no’l sà quel, che’l crede,
     El staпa in te le Grote retirao
     A far el so Mestier Can senza fede;
     Adesso’l vien sto Battocchio da Forca
     A consegiar el Rê per farla sporca.

3

Sacra Maestà (el diseva) zò desegna
     De gratar’i Christiani à nù la Rogna;
     Mê пù tendemo à nù, lassè, che i vegna,
     Spero, che i scamperà co so Vergogna;
     Sò, che in vù la Braura vive, e regna,
     Sò, che havê fatto vù quel, che bisogna;
     E se ogn’un fraccherà, come’l Rè fracca,
     Credelo, che i Nemighi vuol far Cacca.

4

Mi per mi per giurarve son vegnuo
     No zà con parolette, mà con fatti;
     Mi ve consegierò, come Canuo,
     E farò come Mago i mi gran Atti;
     Commanderò ch’ogni Becco Cornuo
     Di Anzoli negri staga saldi à i patti;
     Mà come vogia scomenzar sta Festa
     Sentì, ve prego, quel, che mi ghò in Testa.

5

Se trova in te la Chiesa de i Christiani
     Un'Altar sotto Terra, che è fornio
     Del Viso della Donna, che quei Cani
     Dise, che l'è la Mare del so Dio;
     Sempre gh'arde una Luse, e coi so vani
     Affetti d'un Cendà i lo tien guarnio;
     Intorno gh’è taccai tanti Quadretti
     De Invodi, che ghà fatto i so Diletti;

6

Mi mo vogio, che vù adesso in persona
     Andè a chior via de là sta so Pittura;
     Ch'in Moschea la mettè con guardia bona
     E mi pò ve voi far una fattura,
     Che pur, che quella mai no se sbandona,
     De perder sta Città no habbiè paura;
     E per alti Secreti al vostro Regno­
     No occorrerà, che i ghe fazza desegno.

7

Dà sto dir persuaso Aladin corre
     In te la Chiefa zoso à tombolon;
     Per mezo i Preti in te l'Altar el scorre,
     E l'Imagine el stacca sto Baron;
     El l'hà portada in quell’indegna Torre,
     Che offende, Pampalughi el gran Paron:
     Ismeno quà sù’l Quadro el parla à sparte,
     E con nefando ardir el fà la so Arte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/36&oldid=59922"