Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/40

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


26

Subito i chiappa sù quella Gramazza,
     E la condanna el Rè a brusarla viva;
     l ghe cava el Cendà‚ e quella zentazza
     Le man da drio co una Corda i ghe stiva;
     Ella no dise gnente poverazza,
     Mà alafê, che l’è più morta ca viva;
     La tien la fazza in zò smorta, e sbattua;
     A che stato sta Grama xe vegnua!

27

Presto se sà per tutto sto gran Caso,
     Tutti vien, e anca Olindo, e i corre a gara;
     Però nissun s'haveva persuaso
     Saver chi fusse sta gran Donna rara;
     Mà imagineve come xè romaso
     Olindo col’hà visto la so Cara;
     Co’l l'hà vista visina a esser brusada,
     L’urta, el corre, el fracassa, el se fa strada.

28

El vien davanti al Rè, e’l cria, No è vero
     Nò, che questa no è Ladгa, che l`è matta;
     No Puol gnanca pensar de far sto fiero
     Fatto, nè ardirlo un tocco de donatta;
     E come halla eseguio’l peniier altiero?
     Come, in che modo hala butao la Tratta?
     Mì, mì so’l ladro, mi’l Quadro hò robbao,
     Ah gran’Amor à quanto ti è arrivao!

29

Doppo’l seguita à dir, Mi fon stà quello,
     Che in la vostra Moschea per un Balcon
     Me son resolto rampegar bel bello
     De notte, e so andà drento a tombolon;
     No occorre, che custia senza cervello
     Vegna a confonder quà le mie rason;
     Mio xè l’honor, e mi ghò da esser morto,
     E nò quella Grammazza cusì a torto.

30

L’afflitta Putta lieva sù el mustazzo,
     La'l varda, e per destorlo la se mette;
     Cos'estu vegnù quà anca ti gramazzo
     Senza bisogno à farte far à fette?
     Che? No ti credi, che a sto Anemalazzo
     Ghe basta far con mi le so vendette?
     Eh, che anca mi son’a bastanza forte
     Per sopportar sta benche fiera morte.

31

Cusì la lo consegia la Compagna,
     Mà per cusarse l'altro alza più’l fiao;
     Questa sì, che è da dir, Puttana Cagna;
     A veder sto contrasto desusao;
     Dove chi perde vine, e chi vadagna
     Subito Vivo ghà da effer brusao;
     Ma quanto quei contende a esser nocesti‚
     Tanto più’l Rè strenze da rabbia i denti.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/40&oldid=59942"