Pagina:El Goffredo del Tasso cantà alla barcariola (1693).pdf/50

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


86

Mà si da Dio saremo abandonai
     Per soi Secreti, ch'i Homeni no spia,
     O per castigo dei nostri Peccai;
     Dove Dio è morto chi no moriria?
     Si anderemo à far terra da Boccai,
     Zò tireremo della Compagnia;
     Ghaverà ben che far anca el Nemigo;
     E à nù el morir no'l ne despiase un Figo.

87

Mà no pensessi minga, che vogiemo
     Tirar la Guerra drento la Fenestra,
     Che volentiera Amighi nù saremo
     Del vostor Rè, e se'l tigneremo à destra;
     Mà se lù no hà da far dove, che andemo,
     Cossa vuollo intrigarne la Manestra?
     Eh diseghe, che aliegro el disna, e'l cena,
     Eh che no'l cerca Maria per Ravena.

88

Al fiero Argante tanto ghe despiase
     Sta Risposta, che pien d'Ira, e despetto,
     El se fà avanti, e tutti i altri tase,
     E in sta forma el ghe dise el so concetto;
     Ghabbia la Guerra chi no vuol la Pase;
     Zà sempre à i Intrighi gh'è stà fatto acetto
     E par ben, che vù siè un'Intrigamondo,
     Che bisogna, che parla anca el Segondo.

89

Pò'l chiappa la so Vesta giusto come
     Si ghe dasse qualcun dei Confettini,
     E con Muso da far à diese Rome
     Timor'el dà in sti mò mò sopra fini;
     O vù, che havè la Sorte in te le Chiome,
     Quà gh'è de Guerra, e Pase i Bolettini,
     Cavè qual, che volè, mà no fè Torta,
     Penseghe vù, che à nù puoco ne importa.

90

Tutti i Capi da sto Atto stomegai
     Subito i gha criao; Sì Guerra Guerra;
     E per criarlo tanto presti i è stai,
     Che'l parlar à Goffredo in bocca i serra;
     Culù hà buttà la Vesta zò al so Lai;
     E ve desfido (el dise) à mortal Guerra;
     El l'hà ditto con forma tanto tressa,
     Che da paura un s'hà pissà in Braghessa.

91

Da sto moto, e sto dir par, che saltasse
     Ogni Malanno fuora in t'un instante;
     E che Chiribin lesto ghe cazzasse
     El so Coin per farlo più Furfante;
     Credo, che giusto in sta Maniera stasse
     Nembrot in Babilonia quel Zigante;
     Quel Pampalugo, che voleva un deo
     Metter'in Cielo, e xè cascà in Caneo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:El_Goffredo_del_Tasso_cantà_alla_barcariola_(1693).pdf/50&oldid=59952"