Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/299

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



A vedarse in quel stato là davanti
    Parenti, e amici, che se desfa in pianti;
                    123Quei Medici, ignoranti,

Che zà altro no i sà dir, co i xe in error,
    Che bisogna chiamar el Confessor.
                    126Gran cose, che fà orror!

Questo xe l'Omo, e questo xe 'l so stato,
    Che, co ghe penso, no vorrìa esser nato.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/299&oldid=64718"