Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/297

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Vedendo, che nol puol più andar in Porto,
    Nol trova più in sto Mar gnessun conforto,
                    93E 'l vorrave esser morto;

Cosa ghe serve 'l Sol, cosa la Luna,
    Quando, ch'in Donne nol gà più fortuna?
                    96Dirà mo qualcheduna,

Ch'ai vecchj resta i gusti della mente,
    Ma i xe gusti cogioni finalmente;
                    99De real no ghè gnente;

I xe tutti capriccj del cervello,
    Ma gnente serve, co no ghè più Osello.
                    102In che consiste 'l bello?

No lo sà ben gnessun, se quel, che piase
    In t'un liogo, in te l'altro pò despiase:
                    105Tutti gà la so frase,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/297&oldid=64716"