Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/298

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



E tutti crede, che la soa sìa bona,
    Ma certo o l'un, o l'altro se cogiona.
                    108Solamente la Mona

Per consenso de tutti universal
    La xe bona salada, e senza sal.
                    111La vecchiezza xe un mal;

Ma del vecchio el più perfido destin
    Xe no poder più andar in quel zardin.
                    114Chi de lù più meschin!

Sora marcà ogni tanto pò vien vìa
    Un mal, che della morte xe la spìa.
                    117Vien pò la malattìa,

Che xe l'ultima affatto della vita,
    Che più 'l Cipro no val, nè l'Acquavita.
                    120Oh! Dìo, che gran desdita

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/298&oldid=64717"