Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/291

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


MISERIE DELLA VITA UMANA.


SONETTO


Cosa sia l'Omo, e cosa 'l fazza quà,
    Voggio filosofarghe un poco suso;
    Mi vedo, che co 'l vien fuora del buso
    4Subito 'l pianze, come un desperà;

Quando l'averze i Occhj el xe incantà,
    Nol sà dove, che 'l sia, el xe confuso,
    A questo, a quello lù ghe varda 'l muso,
    8Ma cosa, che lù guarda, nol lo sà.

El và crescendo, ma dei gran tormenti
    Bisogna che 'l sopporta, e malattìe,
    11E in primo liogo quel de far i denti;

Dopo, ferze, variole, e rosolìe,
    Spasemi, batticuori, e patimenti,
    Avanti, se puol dir, che'l staga in pìe.
                    15El gà dell'allegrìe,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/291&oldid=60776"