Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/296

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Nè de perder la robba, ma contento
    Lù no xe mai, se nol ghe nesta drento.
                    78Fin quà mi gò depento

Cosa sìa l'Omo, e come sempre in guera
    El sia colle passion quà sulla tera;
                    81Zonta, che sia la sera

Della so zoventù, lù crede allora
    Dal Mar delle passion cavarse fuora;
                    84Ma più che mai 'l xe allora,

Vedendo, che l'hà perso tutto quanto,
    E le passion ghe resta tanto, e tanto;
                    87Massime quel ch'hà pianto

Per amor delle Donne, e che xe stà
    In tel bel sesso tanto innamorà.
                    90Oh! Questo sì, ch'è quà,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/296&oldid=64715"