Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/294

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che in quell'unico ben, che ne xe caro,
    Nù ghe trovemo drento tanto amaro.
                    48Se esamino l'avaro,

Mo, che vita infelice no xe quella
    Per no metter la man in la scarsella!
                    51Che serve quella bella

Cassa, che 'l gà de scudi, e de dobloni;
    Che 'l se li petta tutti sù i cogioni.
                    54Mai do bocconi

Nol sà magnar, e quel, ch'allegramente
    Farìa star tutti, a lù no ghe val gnente.
                    57Chi lambica la mente

Per arrivar a qualche dignità,
    Che perder pò ghe fà la libertà,
                    60O intrigai, se no i sà,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/294&oldid=64713"