Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/293

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Per quanto, che 'l le cerca, nol le trova,
    E quel, che piase, per el più no giova.
                    33Se ghè 'na cosa niova

Con tutto 'l cuor el se ghe butta drento,
    Ma pò cosa ghe resta, 'l pentimento.
                    36El ben dura un momento,

Tanto, che se puol dir al mal, che resta,
    Dopo curto seren longa tempesta;
                    39Se Amor pò in la testa

Ghe vien co tutti quanti i so despeti,
    Altro, che 'l Cà del Diavol dei poeti,
                    42I più contrarj effeti

Lo combatte, e lo strapazza a 'na misura,
    Che quasi lo reduse in sepoltura.
                    45Oh misera natura!

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/293&oldid=64712"