Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/186

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Collegheve, gò dito, slarghè quelle culate,
    Incappellà gò 'l Cazzo, che 'l par giusto un Frate,
95In man chiapelo subito, mettelo arrente 'l buso,
    Che mi darò 'na spenta, e ve lo paro suso.
L'è drento, vìa, stè quieta, e lassè far a mì,
    Gran gusto, che xe questo, no se puol dar de pì.
Sarè adesso contenta, hò fatto quel, che và,
    100Onde, co voi, mi posso andarmene de quà;
In sin doman hò dito de starmene con vù,
    Ma son spettà in t'un liogo, star quà no posso più.
Questa xe montà in bestia, la me volea copar,
    E mi zò per le scalle m'hò messo a caminar,
105La porta hò averta subito, e in strada son andà,
    Nè sò cosa d'ella mai più ghe ne sia stà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/186&oldid=64569"