Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/182

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Senza d'averme visto, nè mai parlà co mì,
    30Farme tante carezze, che no podeva pì;
A dir la verità mi me sentìa 'na voggia
    De darghe do chiavade a quella cara zoggia;
E fin, che dal Tinello i fiaschi la hà portà,
    Dal gusto, che sentiva, in braghe gò sborà;
35E dopo, che do gotti de vin mi gò bevù,
    Tegnir el Cazzo fermo no gò podesto più.
Questa la se n'accorze; la dise, cosa gh'è?
    Cos'è mò quella robba, che sotto vù gavè?
Mi da vergogna allora ghe digo gnente affatto,
    40Costù nol vuol star quieto, el xe deventà matto,
La lassa, che 'l se sfoga, che 'l fazza quel, che vuol,
    Perchè a vederla ella tegnirse più nol puol.
Ma la me diga un poco cosa la vuol da mì?
    Perchè la zente in casa la chiama ella cussì?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/182&oldid=64565"