Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/180

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


VIEN CHIAMÀ DA 'NA RAGAZZA.


MARTELLIANI


Sento a chiamarme un zorno, che andava via soletto
    Per una strada incognita, da un muso benedetto;
Me fermo, e ghe domando cosa la vuol da mi,
    La me responde in botta; vien suso, caro ti;
5Me preme de parlarte, in casa mi son sola,
    Fà presto, che gò voggia de dirte una parola.
Ella me tiol in fallo, ghe digo a questa quà,
    Perchè mai la gò vista, nè manco saludà;
Mi no sò chi la sia, ma se la vuol, che vegna,
    10Per dove hò da vegnir almanco la me insegna;
Ma no vorrìa per altro, che alcun se ne accorzesse,
    E che con ella sola quà in casa i me vedesse.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/180&oldid=60488"