Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/184

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Voleu, che andemo a letto? Anemo la se spogia,
    Che, se a ella la ghe spizza, ghe caverò la vogia;
Farò anca mi l'istesso; da brava scomenzemo,
    E i complimenti intanto da banda nù lassemo.
65Senza dir altro allora, quantunque fusse dì,
    Nua la s'hà despogià, l'istesso ho fatto mì;
Ghe chiapo in man le tette, l'abbrazzo, e la sculazzo,
    Le gambe la se slarga, e mi ghe metto 'l Cazzo;
Gran gusto, la me dise, xe questo, che xe quà,
    70Nè mai el so compagno mi certo gò provà;
Anemo vìa da bravo, la dise, spenzè sù,
    Che a forza del gran spenzer mi no podeva più,
Perchè l'avea una Cocca sta putta cussì stretta,
    Che 'na fadiga a entrarghe gò fatto maledetta.
75Dopo d'aver sborà l'Osello tiro fuora,
    Questa me dà un'occhiada, e dise, và in malora,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/184&oldid=64567"