Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/181

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


No dubitar, la dise, gnessun zà gà che far,
    E prima de vegnir, con mi i hà da parlar,
15Vien pur liberamente, questa, ch'è quà è la porta,
    Onde mi vago franco senz'aspettar la scorta.
Per primo complimento la man sul pattelon
    Ella me mette, e subito me salta vìa un botton;
Perchè appena mi hò visto un muso cussì bello,
    20Cussì grazioso, e amabile, se m'hà indurìo l'Osello,
E de saltarghe addosso me xe vegnù 'l pronto,
    Ma hò pensà ben de starmene un poco ancora zito.
Gò domanda 'l motivo, perchè la m'hà chiamà,
    Aspetta, la me dise, che chiapa un pò de fià,
25Sentete quà, ch'intanto mi voggio, che bevemo
    Un paro de fiaschetti, e pò descorreremo.
Frà mi andava pausando, ma no podea capir
    Cosa, che sta ragazza la me volesse dir;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/181&oldid=64564"