Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/183

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


45Senza saver chi sìa, perchè tal confidenza?
    Fermeve, la me dise, abbiè un pò de pazienza,
Tireve quà vesin, che mi ve dirò tutto,
    E intanto, che ve tocca, lasseme, caro putto;
Vù zà vedè, che semo do zovenotti a uno,
    50Che drento de sta casa no abita gnessuno;
Onde, se v'hò chiama no credo, che sia mal,
    Vedendo, che sè un Omo, e che non se un coccal;
Anca mi qualche volta me piase de goder
    De quei, che per el più sà far el so dover;
55V'hò visto vù a passar, e giusto in quel momento
    La me spizzava, e subito v'hò dito: vegnì drento.
No credo, che per questo ve chiamerè affrontà,
    Che zà dell'altre ancora ghe n'averè chiavà.
Mo vìa, cosa diseu? E no parlè? Seu matto?
    60Cosa voleu, che diga? Son quà mi pronto affatto;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/183&oldid=64566"