Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 2.djvu/185

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Cussì presto avè fatto, contenta mi no son;
    Demene un'altra ancora, che vedo, che sè bon.
Lassè, che me reposa un poco, mi ghe digo,
    80E darvene dell'altre ve zuro, sì d'amigo;
Adesso xe a bon'ora, zà mi no vago vìa,
    Tutta sta notte insieme staremo, vita mìa.
Intanto, che ve varda, lassè, quanto voi mì,
    Perchè sè tanto bella, che dir no posso pì,
85Gavè do tette amabili, le carne delicate
    Bianche, come la neve, stè ben anca de culate;
In summa chi ve vede, quando, che sè despogia,
    Xe matto, se de fotterve a lù no vien la vogia.
Me vostu ben? la dise. Sì, cara, te voi ben:
    90Donca fotteme ancora, che 'l cuor me sbalza in sen.
Gò 'na voggia, che crepo de farme furegar,
    Se no ti me contenti, ti me farà malar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_2.djvu/185&oldid=64568"