Profession de fede poetica al Nevodo Daniel Gaspari

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Profession de fede poetica al Nevodo Daniel Gaspari
1823
←  Brindisi contro l'Abate Marienis Edission e fonte ▼ Brindesi per le Nozze Valmarana  →
[p. 250 modifica]
Profession de fede Poetica


AL NEVODO DANIEL GASPARI.


     Che bravo nevodo!
Che caro sestin!
To barba và in brodo,
E al to bichierin
L'unisse devoto
Slongandose el Goto!
     Daniel bevi ti
Che bevo anca mi!
Oh bravo cussì!
Poeta in sto dì
Te vogio istalar
Daniel no tremar.
     Voi mi presentarte
Al Nume de l'arte,
No crederme slapa
Co l'estro ne chiapa
Se viazza anca in tola,
Se core se svola.
     Daniel varda in sù!
No semo più nù
Spario xe to Pare
Sparia xè to mare
No gh'è più laguna,
Ma luse la luna.

[p. 251 modifica]

     Sior barba che fredo!
Daniel no te credo,
Son tuto indurio
Ma l'estro, ma el Dio,
Sior barba crepemo
Sempiezzi! ghe semo.
Ghe semo Daniel:
Che zorno improviso!
Che lucido ciel
Che incanto che Eliso!
Da ti gh'è la stua
Qua invece se sua.
     Da ti no gh'è odori
Che in qualche piter,
Quà l'erbe, quà i fiori
Se suna a piacer,
Da ti giazzo in strada,
Quà basta velada.
     Quà un zefiro eterno
Gà in cielo l'inverno,
Quà supia chi ariva
La tromba, o la piva,
Chi loda Laureta
Chi Nene, chi Beta.
     Quà i primi spiantai
No sente i so guai
I par nel bombaso.
Le rime xè pronte
E Pindo e Parnaso
Se chiama sto monte.

[p. 252 modifica]

     Sior barba me godo
Gò gusto nevodo.
Ma cossa mai vedìo
Sior Barba? stravedio?
Un aseno in cielo
Sior barba chi xelo?
     Nevodo ti fali
Quà svola i cavali
No gh'è che sto solo
Da secoli Apolo
Cortese lo impresta
A chi gà più testa.
     Nol magna mai fien,
De vento l'è pien,
Le seco, incandio,
Ma el và senza bezzi,
Ne mai per da drio
El mola sporchezzi.
     Sì si sarà vero,
Per mì barba Piero,
Me godo più assae
Le poche trotae
Che fazzo a Mogian
Col musso Uurlan.
     Daniel che spropositi
Li dono a l'età,
Un Musso del Pegaso
Più bravo sarà?
Ma vedistu là
Quel Tempio indorà

[p. 253 modifica]

     Lo vedo sior sì
Zenochio per tera
Man zonte con mì.
No femo cagnera
Sior barba, è xè impianti
Quà su no gh'à Santi.
     Daniel vado in colera,
El mestro mi son;
Un Nume Santissimo
El nostro Paron
Apolo chiamà
La drento ghe stà.
     Camisa nol dopera,
El và sempre nuo,
Le cargo de secoli
Ma ben mantenuo,
Ne insegna de rape
El gà su le chiape.
     La testa biondona
Più squasi de l'oro
Gà eterna corona
De sterile aloro,
Ma pur ogni fogia
Se stima una zogia.
     Fra un coro de pute
Che muse s'intitola
Bravissime tute
Un'arpa lù pizzega,
E al son che ghe piove
S'incanta fin Giove.

[p. 254 modifica]

     Sior barba coremo
Sto Apolo vedemo
Adasio Nevodo;
Xe poco l'andar
L'andarghe sul sodo
Impone in stò afar.
     No basta putelo
Cavarse el capelo
Ghe vol sul momento
Un gran zuramento
Che gà zà del mato
Ma el barba l'à fato.
     Son quà sior Apolo
(Ti devi zigar)
Ghe vogio a lu solo
El cuor consacrar,
Dal barba introdoto
Aspiro a sto loto.
     Se aluno el me aceta
Se al cuor nol contrasta
Per esser poeta
I vovi me basta
Ch'el Barba gà in testa
E zuro a la presta,
     E zuro de romperme
Dì e note el martin
Co Omero, co Pindaro
Co Flaco divin,
De lezer Catulo
Properzio, Tibulo.

[p. 255 modifica]

     Virgilio, Gofredo
Petrarca, l'Ariosto,
Vivendo de credo
Sul belo e sul rosto
Che in Dante profondo
Magnifica el mondo.
     Goloso, famelico
De sola poesia
No voi matematica
No voi geometria,
Rinunzio ai secreti
De Stele e Pianeti.
     Ma zuro e m'impegno
Ch'el fior de l'inzegno
Darò per la rima
Delizia mia prima
Se arivo a chiaparmela
E schiava incaenarmela.
     E per sto zogatolo
Ghe zuro e prometo
De far versi in camera
De far versi in leto
De farli parlando
Bevendo, magnando.
     E se per astrato
Per storno, per mato
Passar devo un dì
Col Barba anca mi
No calcolo un bezzo
Del mondo el disprezzo.

[p. 256 modifica]

     Disposto sul nobile
Modelo del barba
De beverme in cotego
Se ocore lo garba
Purchè smascherà
Sia el vizio e sferzà.
     E come xè questa
Facenda infinita
Che assorbe la testa
Per tuta la vita
E spezie de cola
Che più no se mola.
     E come chi spazia
Nel mondo ideal
Deventa un gran tangaro
Nel mondo real
Ne sà più far gnente
Co l'è fra la zente.
     Cussì su l'esempio
Del barba mio caro
Un odio invincibile
Professo e dichiaro
Per ogni mestier
Ch'escluda el piacer.
     E in ozio beato
No vogio contato
Co l'oro vilissimo
Co l'oro infamissimo
Che l'estro incaena
E seca la vena.

[p. 257 modifica]

     Odiando a la morte
El corer le porte
De grandi e signori
In cerca de onori
E amando el centesimo
E quasi el milesimo.
     Col gusto medesimo
Che dà in general
A l'omo venal
Zechin Imperial
Zechin de paela
Sovrana, Fiorela.
     Eh! eh! quante cosse!
Le xè tropo grosse,
Amando el centesimo
Col gusto medesimo....
Sto afar no me garba,
Zò in bota sior barba!
     Parenti abracelo!
El torna dal cielo,
Robarve un putelo
Voleva in sto dì,
Ma el gà più cervelo
Più schimia de mi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Profession_de_fede_poetica_al_Nevodo_Daniel_Gaspari&oldid=58671"