Brindesi per le Nozze Valmarana

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  Profession de fede poetica al Nevodo Daniel Gaspari Edission e fonte ▼ Brindesi recitato alla tavola del Valmarana  →
[p. 258 modifica]
Brindesi per le Nozze Valmarana recitato alla Tavola della Contessa Mangilli.


     Mia mare Vitoria
Che Dio l'abia in gloria!
(L'è un pezzo de storia
Piutosto vechieto
Ma pur l'è boneto!
Andava in sacheto
Col mio tabarielo;
In soma putelo
Sui dodese al più.
     Tenudo a le strete 1
Apena do orete,
El zioba col prete
In piazza baucava,
O in chiesa a la Fava;
E dopo tornava
In casa, e de là
No gera molà
Che dopo oto dì.)
     Fin quà tra parentesi;
Ma torno a la storia.
Mia mare Vitoria
El dì de Domenega
In gala ben messa
Voleva che a Messa
Andasse al so fianco,
Pregando sul banco
Con gran divozion;

[p. 259 modifica]

     E dopo sto bagolo
(Xè longa la storia)
Mia mare Vitoria
Diseva, fio mio,
Andemo con Dio,
In gondola a un remo
Za presto ghe semo
In volta podemo
De longo sbrissar. 2
     E beli in candela
La vechia putela
Alora una stela 3
(So quel che ve digo)
La gran Mocenigo
Mugier del Teston 4
Che da quela volta
Ancora xè in volta
Se andava a inchinar.
     E strada facendo,
Mia mare Vitoria
(Che Dio l'abia in gloria)
Me andava disendo,
Rifleti Pierin
Che là in quel casin
No ghe che zelenze
No fame indecenze
E stame vicin. 5

[p. 260 modifica]

     Colpìo da la predica
Pareva un modelo
Cascà zò dal cielo,
Ma el cuor me tremava
Che caro putelo
La dama zigava
Che muso da bon!
Meteve al balcon 6
No abiè sugizion.
     Co un poca de boria
Mia mare Vitoria
Fra quei Zentilomeni,
(Che in fondo xè omeni)
Vedeva so fio
Un poco ispaurìo
Dar segni imauri
De i fruti mauri
Che dopo à sbrocà.
     Finio sto spasseto,
Mi (sempre in sacheto
La gran cortesan)
Davanti a mia mare,
Mia mare Vitoria
(Sò al fin de la storia),
Persone più care,
Perchè più a la man
Andava a trovar.

[p. 261 modifica]

     No vogio a sto passo
Descriver per chiasso
Le vode parole
De certe cariole,
Per altro lustrissime
Medagie antichissime 7
Andae tute in cenere,
Che allora assae tenere
Butava con mì.
     Gò ben a memoria
(Gran forza del Belo!)
E gera putelo!
Che se qualche festa
Mia mare Vitoria
Più umana de testa
Da vu me portava, 8
Oh Dio! respirava,
Contessa el mio cuor.
     Ne certo da gnoco!
Che geri un bel toco,
Nè iperbole gh'è;
E ancora gavè,
Contessa quel che....
Ma torno a la storia.
Mia mare Vitoria
(El come no sò,
Che dati no gò)

[p. 262 modifica]

     S'aveva piantà
In testa, e fissà
Che de parentà
Ghe xè tra de nù
Un grado ma in su.
Lo credo... sarà....
Ma el fio d'un banchier
L'ajuto de l'albero
In casa no gà. 9
     So ben che piacer
Me dà sto pensier.
E ancora, suposto
Ch'el fusse un gran rosto,
Me godo, me cocolo
Sto grado nascosto;
E da la so gloria
Mia mare Vitoria
Ringrazio de cuor;
     Che senza sto titolo
Nè vose in capitolo,
Nè logo in sto sito
Ancuo gavaria
Per farghe in poesia
Un brindesi ai sposi,
Che freschi e amorosi
No i gà ch'el delito
De andarne lontan.

[p. 263 modifica]

     D'amor l'inclemenza
Li vol a Vicenza.
Che dura sentenza,
Ma posto che al termine,
Mi son de la storia
Finisso, pregando
Mia mare Vitoria
D'un estro più grando
Co nasse in putin.

[p. 264 modifica]
ANNOTAZIONI
  1. [p. 266]La mia educazione era pienamente devoluta alla madre, giacchè le cure altissime del commercio, allora assai florido, assorbivano tutta la mente del padre. Nel Codice rigoroso della signora Vittoria v'era una legge terribile, che astraendo pietosa da qualunque bisogno fisico non permetteva al povero Poeta in erba che di sortir di casa il giovedì dopo pranzo per un'ora e mezza o due al più, accompagnato da un pedagogo ridicolo di nome Don Patrizio.
  2. [p. 266]Cioè al Casino della Procuratessa Mocenigo che tiene ancora società la festa nello stesso luogo, per la maggior parte composta di nobili Veneziani.
  3. [p. 266]S'allude a certe maniere infantili sue proprie.
  4. [p. 266]Moglie del Procurator Mocenigo celebre per i suoi vizj, e per una testa Leonina che metteva spavento.
  5. [p. 266]I gentiluomini Veneziani si guardavano a quell'epoca dai privati come esseri composti d'un altra creta; e la signora Vittoria peccava in questo di superstizione.
  6. [p. 266]La Dama gentilmente voleva che prendessi posto alla finestra per godere il passaggio della Piazza.
  7. [p. 266]L'amor per il bel sesso crebbe nel Poeta in ragione inversa al genio per le anticaglie che voleva ispirargli la Madre.
  8. [p. 266]Apostrofe alla contessa Mangilli allora sposa e bellissima giovane.
  9. [p. 266]Le tante volte mi ho sentito ripetere che siamo parenti con la Contessa Mangilli; ma non venni mai a capo di riconoscerne il grado, e lo tengo per un pio desiderio della buona defunta, cui prego pace di cuore ad onta delle tante noie che accompagnarono la mia prima educazione.