Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/254

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Sior barba me godo
Gò gusto nevodo.
Ma cossa mai vedìo
Sior Barba? stravedio?
Un aseno in cielo
Sior barba chi xelo?
     Nevodo ti fali
Quà svola i cavali
No gh'è che sto solo
Da secoli Apolo
Cortese lo impresta
A chi gà più testa.
     Nol magna mai fien,
De vento l'è pien,
Le seco, incandio,
Ma el và senza bezzi,
Ne mai per da drio
El mola sporchezzi.
     Sì si sarà vero,
Per mì barba Piero,
Me godo più assae
Le poche trotae
Che fazzo a Mogian
Col musso Uurlan.
     Daniel che spropositi
Li dono a l'età,
Un Musso del Pegaso
Più bravo sarà?
Ma vedistu là
Quel Tempio indorà

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/254&oldid=58665"