Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/257

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Virgilio, Gofredo
Petrarca, l'Ariosto,
Vivendo de credo
Sul belo e sul rosto
Che in Dante profondo
Magnifica el mondo.
     Goloso, famelico
De sola poesia
No voi matematica
No voi geometria,
Rinunzio ai secreti
De Stele e Pianeti.
     Ma zuro e m'impegno
Ch'el fior de l'inzegno
Darò per la rima
Delizia mia prima
Se arivo a chiaparmela
E schiava incaenarmela.
     E per sto zogatolo
Ghe zuro e prometo
De far versi in camera
De far versi in leto
De farli parlando
Bevendo, magnando.
     E se per astrato
Per storno, per mato
Passar devo un dì
Col Barba anca mi
No calcolo un bezzo
Del mondo el disprezzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/257&oldid=58668"