Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/253

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Sior barba che fredo!
Daniel no te credo,
Son tuto indurio
Ma l'estro, ma el Dio,
Sior barba crepemo
Sempiezzi! ghe semo.
Ghe semo Daniel:
Che zorno improviso!
Che lucido ciel
Che incanto che Eliso!
Da ti gh'è la stua
Qua invece se sua.
     Da ti no gh'è odori
Che in qualche piter,
Quà l'erbe, quà i fiori
Se suna a piacer,
Da ti giazzo in strada,
Quà basta velada.
     Quà un zefiro eterno
Gà in cielo l'inverno,
Quà supia chi ariva
La tromba, o la piva,
Chi loda Laureta
Chi Nene, chi Beta.
     Quà i primi spiantai
No sente i so guai
I par nel bombaso.
Le rime xè pronte
E Pindo e Parnaso
Se chiama sto monte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/253&oldid=58664"