Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/259

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Odiando a la morte
El corer le porte
De grandi e signori
In cerca de onori
E amando el centesimo
E quasi el milesimo.
     Col gusto medesimo
Che dà in general
A l'omo venal
Zechin Imperial
Zechin de paela
Sovrana, Fiorela.
     Eh! eh! quante cosse!
Le xè tropo grosse,
Amando el centesimo
Col gusto medesimo....
Sto afar no me garba,
Zò in bota sior barba!
     Parenti abracelo!
El torna dal cielo,
Robarve un putelo
Voleva in sto dì,
Ma el gà più cervelo
Più schimia de mi.