Pagina:Poesie e satire di Pietro Buratti veneziano.pdf/258

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Disposto sul nobile
Modelo del barba
De beverme in cotego
Se ocore lo garba
Purchè smascherà
Sia el vizio e sferzà.
     E come xè questa
Facenda infinita
Che assorbe la testa
Per tuta la vita
E spezie de cola
Che più no se mola.
     E come chi spazia
Nel mondo ideal
Deventa un gran tangaro
Nel mondo real
Ne sà più far gnente
Co l'è fra la zente.
     Cussì su l'esempio
Del barba mio caro
Un odio invincibile
Professo e dichiaro
Per ogni mestier
Ch'escluda el piacer.
     E in ozio beato
No vogio contato
Co l'oro vilissimo
Co l'oro infamissimo
Che l'estro incaena
E seca la vena.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poesie_e_satire_di_Pietro_Buratti_veneziano.pdf/258&oldid=58669"