Il ciarlatano

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Il Ciarlatano
XIX secolo
Edission e fonte ▼
Altra edizion: El zarlatan (1845)
[p. 81 modifica]

IL CIARLATANO

NOVELLA

DI

PIRRO TEOZZI

E

I DEBITI

CAPRICCIO

DELLO STESSO AUTORE.

[p. 82 modifica] [p. 83 modifica]


Si è serbato il nome anagrammatico di Pirro Teozzi, così piaciuto essendo al gentile Autore di questi due Componimenti, il quale con vena felice molti altri ne ha scritti che meriterebbero di vedere la pubblica luce. [p. 84 modifica] [p. 85 modifica]


NOVELLA


In Nankin, gran Cità,
     Un dì xe stà tacà sto manifesto,
     Scrito in arcicruschevole Toscan
     Ma che mi lo tradugo in Venezian.
     Presso a poco el contegniva questo:

     El famoso Tita Furta,
     Arlevà da Gambacurta,
     El xe sta de qua e de là
     Dei so simili per ben,
     E in Nankin adesso el vien
     A portar la sanità,
     Nè se trova malatia
     Che nol sapia mandar via.
     El fa impiastri, el fa ceroti,
     Per guarir da tuti i mali,
     L'ogio el ga per i ossi roti,
     El ceroto per i cali,
     El guarisse le buganze
     Col siropo de naranze,
     Per le sterili el sa far
     Certe pilole famose

[p. 86 modifica]

     Che le fa presto ingrossar,
     Tanto vechie quanto tose,
     E a quel'altre che paura
     Le se sente a partorir
     Co un ordegno el le assicura
     De saverle isterilir.
     A quei mali che fa spizza
     In tre zorni el ghe la schizza
     Con el late de capon
     Che a guarir sti mali è bon.
     Co' un specifico famoso
     Da la gota lu guarisse,
     L'ulceroso, el cancrenoso
     Soto lu in do dì sparisse;
     Co l'elastico el fa cinti,
     Cava denti a l'uso inglese,
     E 'l li mete, a chi vol, finti
     Ma bei, forti, a la francese.
     I orbi vegna, i sordi, i muti,
     Quei che sofre el bruto mal,
     Vegna tuto un ospeal,
     Lu guarir s'impegna tuti.
     Ma per altro sti segreti,
     Benchè i sia certi e perfeti,
     El li calcola pocheto
     Se 'l li vol paragonar
     A un mirabile segreto
     Che farà trasecolar.

[p. 87 modifica]

     Questo è un'aqua sorprendente,
     Acqua-vite veramente,
     Chi con quela un morto spruzza
     Va via subito la spuzza,
     Po' del moto se ghe sussita;
     Curte; el morto ghe ressussita.
     De mil'omeni e anca più
     I Atestati el ga con lù
     De so' man tuti segnai
     Dopo ch'i è ressussitai,
     E per prova evidentissima
     Che la cosa sia verissima
     Drento un mese el verzirà
     Sepolture, e Monumenti
     E in Nankin se vederà
     Uno, no, cento portenti.
     E i Signori del paese,
     S'anca xe dei ani assai
     Ch'i sia morti, drento el mese
     I sarà ressussitai.
     El sta in fazza la Crosera
     A l'albergo
la Massera.

Sto aviso a andar atorno à scomenzà,
     E i siori Nankinesi,
     Come tant'altri in tanti altri paesi
     Che crede le fandonie verità,

[p. 88 modifica]

     Xe corsi a casa de sto Professor
     Per saver se 'l sia un aseno o un dotor.
     E i gh'à dito: Signor, la diga, è vero
     Ch'ela la cava i morti d'ani tanti
     Fora del Cimitero
     Forti e robusti come i gera avanti?
     Lu ga risposto: Le leza qua e le veda
     E a mi no le me creda,
     Le creda a sti Atestati
     De queli che mi ò ressussitai
     E che de proprio pugno i me li ha fati
     Essendome obligai.
     Le osserva pur, cussì le vederà
     Se busìe mi ghe diga o verità.
     Eco, le leza qua:
     Io Marchese - di Roca Fiorita:
     La mia vita - la debbo all'uom dotto
     Che di sotto - alla tomba l'uom toglie.
     Senza doglie - esser sano m'avvidi,
     Era morto - risorto - mi vidi.

     Eco un altro... Io Duchessa dal Prato.
     Dallo stato - letale di morte,
     Dove sorte - crudele cacciommi,
     Liberommi - il grand'uom che gli spenti
     Fa viventi - e mi vidi risorta
     Dopo morta - da diecidott'anni
     Pei malanni - che un tal mi donò,
     Ma giuliva - io son viva - ed ei no.

[p. 89 modifica]

Eco un terzo del Principe de Alton...
     Eh no serve, i responde, no paron,
     S'à visto quanto basta
     E a la so' abilità nissun contrasta.
     I va via incocalii,
     Sorpresi, sbalordii,
     E i principali, apena che fa scuro,
     Per esser al sicuro
     Se racolge in secreto quanti i xe
     In un ritiratissimo Cafè.
     Che fracasso de zente!
     D'ogni età, d'ogni sesso,
     In trenta i vol parlar, nessun se sente
     In quel tumultuosissimo consesso.
     Uno cria in t'un canton:
     Cospeto de Pluton,
     Stago ben se ressussita mio barba!
     Recipe mesatina,
     E baso de la man sera e matina:
     Sta visita, per sbrio, no la me garba.
Un altro sbragia: Mi son consolà!
     Povero gramo, mi ch'o redità
     Dal Missier che xe morto a l'improviso,
     Che mai me dava un traro
     Quel tegna, quel'avaro.
     Eh ch'el resta a l'Inferno... o in Paradiso...
Un terzo estatico
     Al ciel voltandose

[p. 90 modifica]

     Dise: Carissima
     Muger vechissima,
     Ti favi stomego,
     Pur i to' talari
     I m'à incantà;
     Quei m'à dà stimolo,
     Quei m'à inzucà,
     Quei rason unica
     Che t'ò sposà.
     No, no ressussita,
     Resta pur là,
     Lassime vedoo
     Per carità.
Va un altro da so' posta brontolando:
     Corpo de Baco, ancuo son Ofizial,
     Se i morti va costù ressussitando
     Torno Sargente e forse Caporal;
     E che la stagà là, perchè sicuro
     Se va avanti sto afar torno Tamburo.
Trenta se fa sentir,
     Quasi nissun capir.
     Diese se sente dir: E mi, e mi,
     Che l'è cussì, e cussì.
     Altri vinti a sbragiar: Scoltè
     De mi come la xe.
     Co' una vose da toro alfin un cria:
     Via tasè, pofardìa!
     E un drio l'altro parlemo

[p. 91 modifica]

     Se volè che qualcossa decidemo.
     Sta sbragiada improvisa de sto tal
     Xe seguìa da un silenzio universal.
     Alora el dise lu tranquilamente:
     Qua semo in tanta zente
     Chiamai da la paura,
     Che qualche morto tornà in carne e in pele,
     Sortindo vivo da la sepoltura
     El ne vegna a secar le tavernele;
     Ma pur in tanti e tanti
     Chi d'un tal morto, e chi d'un altro teme
     Perchè avemo motivi in fondo oposti.
     Se andar volemo avanti,
     (Posto che semo tuti quanti insieme)
     Separemose quieti in tanti posti,
     E cercando chi à simile rason
     Coi compagni se unissa in t'un canton,
     E co sta division fata gavè,
     E che ogni causa la sarà racolta
     Da ogni circolo, alor quanti volè
     Deputè de parlar uno a la volta.
     A tuti quanti à piasso sta opinion,
     E i l'à adotada per aclamazion;
     E per mostrar che ben l'avea disposto
     I va un drio l'altro a scielgerse el so' posto.
In t'un circolo i richi va e i signori,
     Che trema che ghe torna i compatroni;
     Va in t'un altro le cariche e i priori,

[p. 92 modifica]

     Che perder no vorave i sedioloni.
     Qua poeti moderni e professori
     Che ga paura de parer minchioni;
     De là ghe xe fin qualche camarier,
     Che ga el spagheto de tornar stafier.
Là un circolo ghe xe de vedovele,
     Che à fufa che ressussiti el mario:
     Quà un bozzolo se fa de tose bete,
     Che se torna so' mare le à finìo;
     Là fradei che no brama le sorele,
     Qua tutori che à fato el ben de Dio;
     Gh'è fin dei Trufaldini e dei Tartagia
     Che a menzionar Sachi e Fiorili, i ragia.
El preopinante è fato presidente
     De tuta quela zente,
     E un camarier novelo,
     Stafier do' mesi avanti, e là bidelo
     Interinal, el crìa:
     Se qua tra tanti e tanti
     Omo o dona ghe sia
     Che possa consegiar se fazza avanti.
Certo Prior, no so se negro o bianco,
     S'alza su dal so' banco,
     L'ochio su tuti maestoso el zira,
     Po' a l'uditorio fa una riverenza,
     E movendose a susta,
     La bareta e la tonega el se giusta,
     Un fazzoleto neto fora el tira

[p. 93 modifica]

     El se suga, el se raschia, e po el scomenza:
Quod Deus conjunxit non separet homo.
     Onnipossente tu, tu quel c'hai fisso
     A esistenza un confin, che torni l'uomo
     Donde sortì, alla polve, il tuo prefisso
     Sovvertirà un mortal? Chi giace estinto
     Sposo è di morte, ed il connubio atroce
     L'orrido laccio, cui l'ha morte avvinto,
     Spezzato esser non può che da tua voce.
     Quale orror se ciò nasce! Io capo scelto
     Di mia sacra famiglia, onor, decoro,
     Possanza, da un Prior già morto, svelto
     Vedrommi? tornerò frate da Coro?
     Si corra al Tempio, e nel fatal periglio
     Voti e preci sciogliamo. Ecco il consiglio.

Co l'à finìo certa Vedovela
     Ancora fresca e bela,
     Che per el morto sposo
     No la voràve perder el moroso,
     La dise: Reverenda, la perdona,
     Xe vero, l'Orazion xe santa e bona,
     Ma quando ch'el pericolo sovrasta
     Forza o destrezza in opera se meta,
     Che l'Orazion, caro el mio ben, no basta.
     Co 'l pericolo gh'è, quel che l'aspeta
     Armà de torzi, salmi, e procession,
     Deventa osèlo anca s'el xe un lion.
     Eco el mio sentimento

[p. 94 modifica]

     Le Done in sto momento
     Xe quele che à da far la gran difesa,
     Ma no miga co spade o co pistole,
     Ma siben co le nostre arme da ofesa,
     Vezzi, lusinghe, ochiae, grazie, parole.
     Qualche bela doneta de bon sesto
     Fazza del Professor la conossenza,
     E coi nostri secreti presto presto
     La lo inamori in barba a la Sapienza,
     E quando come un musso l'è inzucà
     De lu quel che vorèmo se farà.
À aprovà sta opinion un'Orfanela,
     Fiola de do' gramazzi poveromini,
     Che per esser graziosa fresca e bela
     E proteta da certi galantomini
     Sempre più el so' stato se migliora
     Col mestier onorato de la siora.
Mi go interesse, dise sta ragazza,
     Che sto Dotor el vaga via scornà,
     Che assuefata a magnar pan e spuazza
     Co' xe morta mia Mare ò respirà;
     Ancuo mi me diverto zorno e note
     Alora Avemarie, polenta e bote.
     Amici cari, mi el mestier conosso,
     Fidève pur in mi che me esibisso,
     Che i pani i sò tagiar sora ogni dosso,
     E in tre dì sto Dotor lo inasenisso;
     Giusto sti doti, al solo odor de un cotolo

[p. 95 modifica]

     La testa i perde, e i zira come un trotolo.
     Mi ò studia per principj l'arte mia
     E sò le suste che tocar bisogna,
     Coi boni doperar l'ipocrisia,
     L'umiliazion coi richi, la vergogna
     Coi ragazzi mostrar e la passion,
     E coi sapienti far le adulazion;
Ma mi farò... Che farai tu, cerasta
     Di società? vil donna
     Ludibrio della gonna,

     Dise un Poeta, al qual sempre contrasta
     La cena col disnar, perchè el viveva
     Tirandola a la megio ch'el podeva
     Con Dediche e Soneti,
     Con qualche traduzion
     Che fava compassion,
     E scrivendo a impressarj dei Libreti,
     E che, el dise fra lu coi cavei dreti,
     Se torna redivivo
     O Ariosto, o Tasso, o Metastasio, o Zeno
     Non solo io più non scrivo
     Ma non desino, oh Dio! ma oh Ciel! non ceno.
     Che farai tu, rifiuto della rocca,
     Vivi a' malvagi, che a te no, a me tocca;
     A me figlio di Apollo
     Quell'anima piegar: pianger vedrollo
     E il trarrà a forza a' desiderj miei
     La magica armonia della mia cetra

[p. 96 modifica]

     S'avesse il cor di pietra,
     Se contra congiurassero gli Dei.
     E qual la polve ardente
     Dall'eneo tubo lunge il piombo scaglia,
     Così l'uomo di vaglia
     Fuggir ratta farò da questo lito
     Il sovruman risorgitor valente.
     Commosso, stupefatto, sbalordito
     Alla grand'opra io volo,
     Se il merto fia mio sol, fia di me solo
     Il vostro premio. Amici miei, coi carmi
     Di tal vate, tal uomo si disarmi.

Lu core via a compor la so' Cantata
     E nol sente cussì una gran risata
     Al grotesco pensier de mandar via
     El Professor a colpi de Poesia.
Alora salta suso
     Un certo sior Ilario;
     (Gesus-Maria che muso!)
     El gera stà Sicario,
     E po' fato Ispetor,
     E deventà un Signor.
El dise: Corpo... e via;
     Sta buscara me seca;
     L'impiego perderìa
     Restando a boca seca,
     Che sto ressussitar
     Perdì... me fa tremar,

[p. 97 modifica]

     Che l'Ispetor ch'è morto
     Ocuperìa el mio posto.
     Se ancuo son quieto in porto
     Mi perdo el lesso e 'l rosto.
     Perdì.... torno Sassin
     Se nasce sto tantin.
     Saràve persuaso
     Cavarselo dal cesto;
     Mi solo fazzo e taso,
     E me destrigo presto,
     Se fossi in opinion,
     Co un colpo de piston.
Risponde: Che sproposito!
     (Un omo de proposito
     Bravissimo Tutor
     D'un certo puteleto,
     E che ghe bruserìa più d'un pocheto
     Se tornasse a sto mondo el testator)
     Ilario mio, se solo vu el mazzè
     Qua semo in tropi, e solo nol savè;
     E la saràve sporca,
     Perchè restasse i morti in sepoltura
     Che dovessimo andar nu su la forca.
     Fradei cari, sentì,
     Mi penseria cussì,
     Che la me par sicura:
     Mi farave un magnifico regalo
     Al Professor, a condizion ch'el vada

[p. 98 modifica]

     Per quel'istessa strada
     Che l'è venudo; e l'anderà, no falo.
Sta idea ga piasso; e infati lu à sunà
     Una sumeta non indiferente
     Fra quei che gera là,
     E fra quel'altra zente
     Che de veder gaveva tropa angossa
     A saltar su i so' morti da la fossa;
     E po' el ghe l'à portada al sior Dotor,
     Disendo con altura
     Per meterghe paura:
     La senta, Professor,
     Sti bezzi no xe pochi, e i se ghe dona
     Col pato, la perdona,
     Che da Nankin la vaga via al più presto.
     Tita, che nol voleva altro che questo,
     Al Deputà l'à subito promesso
     De partir quel dì istesso;
     E poco dopo in fato,
     Per non mancar al pato,
     L'è andà via ringraziando
     El Ciel de quando in quando, ma de cuor
     Che l'avesse concesso ai Nankinesi,
     Come se vede in tanti altri paesi,
     Per i propii Antenati tanto amor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Il_ciarlatano&oldid=68441"