Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/98

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Per quel'istessa strada
     Che l'è venudo; e l'anderà, no falo.
Sta idea ga piasso; e infati lu à sunà
     Una sumeta non indiferente
     Fra quei che gera là,
     E fra quel'altra zente
     Che de veder gaveva tropa angossa
     A saltar su i so' morti da la fossa;
     E po' el ghe l'à portada al sior Dotor,
     Disendo con altura
     Per meterghe paura:
     La senta, Professor,
     Sti bezzi no xe pochi, e i se ghe dona
     Col pato, la perdona,
     Che da Nankin la vaga via al più presto.
     Tita, che nol voleva altro che questo,
     Al Deputà l'à subito promesso
     De partir quel dì istesso;
     E poco dopo in fato,
     Per non mancar al pato,
     L'è andà via ringraziando
     El Ciel de quando in quando, ma de cuor
     Che l'avesse concesso ai Nankinesi,
     Come se vede in tanti altri paesi,
     Per i propii Antenati tanto amor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/98&oldid=69678"