Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/95

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     La testa i perde, e i zira come un trotolo.
     Mi ò studia per principj l'arte mia
     E sò le suste che tocar bisogna,
     Coi boni doperar l'ipocrisia,
     L'umiliazion coi richi, la vergogna
     Coi ragazzi mostrar e la passion,
     E coi sapienti far le adulazion;
Ma mi farò... Che farai tu, cerasta
     Di società? vil donna
     Ludibrio della gonna,

     Dise un Poeta, al qual sempre contrasta
     La cena col disnar, perchè el viveva
     Tirandola a la megio ch'el podeva
     Con Dediche e Soneti,
     Con qualche traduzion
     Che fava compassion,
     E scrivendo a impressarj dei Libreti,
     E che, el dise fra lu coi cavei dreti,
     Se torna redivivo
     O Ariosto, o Tasso, o Metastasio, o Zeno
     Non solo io più non scrivo
     Ma non desino, oh Dio! ma oh Ciel! non ceno.
     Che farai tu, rifiuto della rocca,
     Vivi a' malvagi, che a te no, a me tocca;
     A me figlio di Apollo
     Quell'anima piegar: pianger vedrollo
     E il trarrà a forza a' desiderj miei
     La magica armonia della mia cetra

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/95&oldid=69675"