Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/88

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Xe corsi a casa de sto Professor
     Per saver se 'l sia un aseno o un dotor.
     E i gh'à dito: Signor, la diga, è vero
     Ch'ela la cava i morti d'ani tanti
     Fora del Cimitero
     Forti e robusti come i gera avanti?
     Lu ga risposto: Le leza qua e le veda
     E a mi no le me creda,
     Le creda a sti Atestati
     De queli che mi ò ressussitai
     E che de proprio pugno i me li ha fati
     Essendome obligai.
     Le osserva pur, cussì le vederà
     Se busìe mi ghe diga o verità.
     Eco, le leza qua:
     Io Marchese - di Roca Fiorita:
     La mia vita - la debbo all'uom dotto
     Che di sotto - alla tomba l'uom toglie.
     Senza doglie - esser sano m'avvidi,
     Era morto - risorto - mi vidi.

     Eco un altro... Io Duchessa dal Prato.
     Dallo stato - letale di morte,
     Dove sorte - crudele cacciommi,
     Liberommi - il grand'uom che gli spenti
     Fa viventi - e mi vidi risorta
     Dopo morta - da diecidott'anni
     Pei malanni - che un tal mi donò,
     Ma giuliva - io son viva - ed ei no.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/88&oldid=69668"