Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/93

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     El se suga, el se raschia, e po el scomenza:
Quod Deus conjunxit non separet homo.
     Onnipossente tu, tu quel c'hai fisso
     A esistenza un confin, che torni l'uomo
     Donde sortì, alla polve, il tuo prefisso
     Sovvertirà un mortal? Chi giace estinto
     Sposo è di morte, ed il connubio atroce
     L'orrido laccio, cui l'ha morte avvinto,
     Spezzato esser non può che da tua voce.
     Quale orror se ciò nasce! Io capo scelto
     Di mia sacra famiglia, onor, decoro,
     Possanza, da un Prior già morto, svelto
     Vedrommi? tornerò frate da Coro?
     Si corra al Tempio, e nel fatal periglio
     Voti e preci sciogliamo. Ecco il consiglio.

Co l'à finìo certa Vedovela
     Ancora fresca e bela,
     Che per el morto sposo
     No la voràve perder el moroso,
     La dise: Reverenda, la perdona,
     Xe vero, l'Orazion xe santa e bona,
     Ma quando ch'el pericolo sovrasta
     Forza o destrezza in opera se meta,
     Che l'Orazion, caro el mio ben, no basta.
     Co 'l pericolo gh'è, quel che l'aspeta
     Armà de torzi, salmi, e procession,
     Deventa osèlo anca s'el xe un lion.
     Eco el mio sentimento

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/93&oldid=69673"