Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/96

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     S'avesse il cor di pietra,
     Se contra congiurassero gli Dei.
     E qual la polve ardente
     Dall'eneo tubo lunge il piombo scaglia,
     Così l'uomo di vaglia
     Fuggir ratta farò da questo lito
     Il sovruman risorgitor valente.
     Commosso, stupefatto, sbalordito
     Alla grand'opra io volo,
     Se il merto fia mio sol, fia di me solo
     Il vostro premio. Amici miei, coi carmi
     Di tal vate, tal uomo si disarmi.

Lu core via a compor la so' Cantata
     E nol sente cussì una gran risata
     Al grotesco pensier de mandar via
     El Professor a colpi de Poesia.
Alora salta suso
     Un certo sior Ilario;
     (Gesus-Maria che muso!)
     El gera stà Sicario,
     E po' fato Ispetor,
     E deventà un Signor.
El dise: Corpo... e via;
     Sta buscara me seca;
     L'impiego perderìa
     Restando a boca seca,
     Che sto ressussitar
     Perdì... me fa tremar,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/96&oldid=69676"