Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/91

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Se volè che qualcossa decidemo.
     Sta sbragiada improvisa de sto tal
     Xe seguìa da un silenzio universal.
     Alora el dise lu tranquilamente:
     Qua semo in tanta zente
     Chiamai da la paura,
     Che qualche morto tornà in carne e in pele,
     Sortindo vivo da la sepoltura
     El ne vegna a secar le tavernele;
     Ma pur in tanti e tanti
     Chi d'un tal morto, e chi d'un altro teme
     Perchè avemo motivi in fondo oposti.
     Se andar volemo avanti,
     (Posto che semo tuti quanti insieme)
     Separemose quieti in tanti posti,
     E cercando chi à simile rason
     Coi compagni se unissa in t'un canton,
     E co sta division fata gavè,
     E che ogni causa la sarà racolta
     Da ogni circolo, alor quanti volè
     Deputè de parlar uno a la volta.
     A tuti quanti à piasso sta opinion,
     E i l'à adotada per aclamazion;
     E per mostrar che ben l'avea disposto
     I va un drio l'altro a scielgerse el so' posto.
In t'un circolo i richi va e i signori,
     Che trema che ghe torna i compatroni;
     Va in t'un altro le cariche e i priori,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/91&oldid=69671"