Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 11.djvu/87

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Questo è un'aqua sorprendente,
     Acqua-vite veramente,
     Chi con quela un morto spruzza
     Va via subito la spuzza,
     Po' del moto se ghe sussita;
     Curte; el morto ghe ressussita.
     De mil'omeni e anca più
     I Atestati el ga con lù
     De so' man tuti segnai
     Dopo ch'i è ressussitai,
     E per prova evidentissima
     Che la cosa sia verissima
     Drento un mese el verzirà
     Sepolture, e Monumenti
     E in Nankin se vederà
     Uno, no, cento portenti.
     E i Signori del paese,
     S'anca xe dei ani assai
     Ch'i sia morti, drento el mese
     I sarà ressussitai.
     El sta in fazza la Crosera
     A l'albergo
la Massera.

Sto aviso a andar atorno à scomenzà,
     E i siori Nankinesi,
     Come tant'altri in tanti altri paesi
     Che crede le fandonie verità,

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_11.djvu/87&oldid=69667"