Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/212

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Me stupisso, che ne vogna
    Forestieri in quantità,
    Perchè quà chi no xe tegna
    160Se la gode, come và.

Una volta i se partiva
    Da contrae assae lontane;
    E a Venezia pò i vegniva
    164Per un poco de puttane.

Finalmente no ghe giera,
    Come ancuò sta libertà,
    Bisognava in quella sfera,
    168Che i zirasse sempre là.

In ancuò quando i sà far,
    E che i gabbia un poco d'arte;
    Ogni sfera i puol zirar,
    172E de Venere, e de Marte.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/212&oldid=64427"