Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/206

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Più, che 'l soldo quà, e là zira,
    La Città più se fà bella,
    Ma l'è el vizio quel, che tira
    64Fora i bezzi de scarsella.

Tutti i Artisti allora quando
    No ghe fusse gnessun vizio,
    I starìa tutti de bando,
    68E i anderave in precipizio.

Se la gola, e i dolci amori
    No ghe fusse, e l'ambizion,
    Come sassi i gran tesori
    72I starave in t'un canton.

El mal xe, che in sta Cittae
    Ghe xe puoche puttanelle,
    Ma le Donne maridae
    76Le supplisce ancuò per elle.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/206&oldid=64421"