Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/208

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Quel, che stimo, che ogni tanto,
    Co i xe stuffi, i se destacca,
    E i ghe fà el so bell'impianto;
    96E co un'altra pò i se tacca;

E con quella i fà l'istesso,
    I la serve notte, e zorno,
    Co i se giazza a starghe appresso;
    100I se scalda a un altro forno.

Ma fà ben sti gran scambietti,
    Cussì a tutti ghe ne tocca,
    E se puol co sti confetti
    104Raddolcir più d'una bocca.

Ghè pò tante virtuose,
    E de musica, e de ballo,
    Cavalline spiritose
    108Da montarghe sù a cavallo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/208&oldid=64423"