Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/180

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Le vorrìa la zoventù,
    E nò quelli, che xe flossi,
    E le osella sempre più
    80Quei, che gà i cogioni grossi.

In continnuo passatempo
    La so vita le mantien,
    E le dà in un contratempo,
    84Co 'l marchese no ghe vien.

I foresti le conforta,
    Le ghe dise, per vù moro,
    Ma le averze la so porta
    88A chi gà la chiave d'oro.

Che bel viver, che xe questo,
    No ghè più tanti riguardi,
    Chi gà bezzi chiava presto,
    92Chi xe al giazzo chiava tardi;

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/180&oldid=64676"