Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/176

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Che sto Diavolo, e sto Inferno
    Invenzion xe dei poeti,
    E sto starghe pò in eterno
    16L'è 'na zonta, ch'hà dà i Preti,

Che ste cose i gà inventà
    Per i Ladri, e Scavezzoni,
    E per quei, che ghe ne sà
    20Manco assae dei me cogioni.

Sti libretti Oltramontani
    Colla so filosofia
    I gà fatto tanti dani
    24Ai dì nostri in Sacrestìa;

Questi hà fatto, che gran zente
    Metta zoso la livrea,
    E ch'i mena allegramente
    28Una vita Epicurea.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/176&oldid=64672"