Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/182

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Ancuò, che no le gà più
    Tanti, e tanti pregiudizi,
    Che col nome de virtù
    112Elle chiama tutt'i vizi,

Che le porta scritto in cuor,
    Che le xe massime strambe
    Voler creder, che l'onor
    116Staga in mezzo delle gambe,

Che le sà come la và,
    Che le xe desmascherae,
    Che più d'ogni Santità
    120Elle stima do chiavae,

Mi bisogna, che la tegna,
    Quanto mai posso cantar,
    O a liccar, che me rassegna,
    124O de farme buzarar.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/182&oldid=64678"