Delle simulate Amicizie

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Delle simulate Amicizie
Satira seconda.
1671
←  Che sia l'Avarizia d'ogni vizio il peggiore. Sonetto 1 Edission e fonte ▼ Che'l vero Amico sia il miglior Amante d'ogni altro. Sonetto 2  →
[p. 14 modifica]
DELLE

SIMULATE AMICIZIE.

SATIRA SECONDA.


No me posso agiustar. Fiero nemigo
    Son de quei, che d'amar fenze, e nò n'ama;
    Che tuto ve promete, e a campo chiama
    4Cabale, per guidarve a qualche intrigo.

Guardeve pur da chi ve ride in beco,
    E stà sempre sul far larghe promesse:
    Che chi la fraude hà in sen favole tesse,
    8Tira sott'aqua, e ve fa dar in seco.

Mi me fido de vù; ve mostro el cuor;
    Con afeto ve servo, e con prontezza,
    E me sforzo de farve ogni carezza,
    12E quanto posso piu darve in l'humor.

E vù corispondè sì malamente,
    Per vu soli medemi interessai?
    Mo che amicizia è questa vostra mai?
    16E come el Ciel tanta empietà consente?

[p. 15 modifica]


Per tirarme in dafari, e in piezarie,
    Me prometè gran cosse, e de relievo;
    E po', quando bisogno hò de solievo,
    20Volta la turba adulatrice el pie.

Cussì donca s'aletta, e s'imbarazza,
    E pò se lassa impetolà sul megio;
    Si che forza ve xè, se ben fe pegio,
    24Magnar i zeti, e ingioter la spuazza?

Come ve sofre el cuor che Magistrati,
    Per causa vostra, a molestar me manda?
    Perche a i bisogni ve tireu da banda,
    28E a i benefici ve mostreu sì ingrati?

Se mi da un labarinto, altra Ariana,
    Ve cavo col mio filo, e in vù me fido,
    Perche, empij Tesei, me lasseu sul lido?
    32Cussì d'un cuor la fedeltà s'ingana?

Se una Filide son, che no' se sdegna
    De darve albergo, ò ingrati Demofonti,
    M'abandonè? Cussì me fè sti afronti?
    36Forsi aspeteu ch'anca a picar me vegna?

[p. 16 modifica]


S'altro Tulio da mi xè stae defese
    Le vostre cause, e spesi hò i mij talenti,
    Perche, ò Popilij iniqui, e sconoscenti,
    40Haveu contra de mi l'insidie tese?

Se v'hò dà el late de le mie sostanze,
    Fieri Alessandri, e son stà vostra Nena,
    Perche voleu far tragica la Scena,
    44E d'amazzarme i Cliti haveu baldanze?

Se, ocorendo, per vu son corso à l'arme,
    O Giustiniani ingiusti, e m'havè visto
    Un Belisario in qualche vostro acquisto,
    48Perche adesso cussì cercheu d'orbarme?

Cossa nefanda, apresso i boni Antighi,
    Giera desfar de l'amicizia i gropi;
    E, se ghe fosse andà la Casa, e i copi,
    52I ve haveria cavai fuora d'intrighi.

È de mente plebea, bassa, e proterva
    Quel, che in sen vuol tegner la fraude ascosa,
    Mentre un'anima granda, e generosa
    56Mantien la fede, e la parola osserva.

[p. 17 modifica]


Vosse in Libia cativo à tutti i modi
    Tornar Atilio, e sodisfar l'impegno:
    Ma la Barbarie à Presonier sì degno
    60Dar sepe in guiderdon la bota, e i chiodi.

Certo, che in mazor conto, e in mazor stima
    Par che sia quei, che sà far barche megio.
    Favorir l'Inocenza è un sacrilegio;
    64Quali sia ben ch'altri el Compagno oprima.

Chi (verbi grazia) qualche Bonaroba
    Havesse in Casa, e fusse bon compagno,
    Poderave anche far grosso guadagno,
    68E haver sempre fornia la salvaroba.

El vil Adulator (dise Petronio)
    Imbriaga de porpora el mantelo;
    E à premio sà pecar quel christianelo,
    72Che fà romper el colo al matrimonio.

Dise Marzial: che importa, e che me fà,
    Che m'habia in opinion l'Inglese, e 'l Geta?
    Puol esser'anca, che sia bon Poeta,
    76Ma la scarsela mia certo no'l sà.

[p. 18 modifica]


Chi fedelmente adesso opera, e trata?
    Chi giova, e fà servizio volentiera?
    Quela cara amistà schieta, e sinciera,
    80O Dio, dov'ela andà? Chi me la cata?

Hercoli dove, e Nestori se vede?
    Dove se trova Agripe, e Otaviani?
    Dov'è i Licinij, e dove xè i Traiani?
    84E i Volunij, e i Luculi, armai de fede?

Un Patroclo dov'el? dove un'Achile?
    Dove quei, che stupir feva i Dionisi?
    Dove Zopiri, e Darij? Euriali, e Nisi?
    88Forsi una copia se ne trova in mile?

Piladi, Oresti, Tesei, e Peritoi
    Dov'ei? dove Alessandri, e Efestioni?
    E dove Acati, e Enee, Lelij, e Scipioni?
    92E Barbarighi, e Trivisani Eroi?

Cerchei sì, sì, che i troverè, che i coa!
    Andè là, che i ve aspeta! E ghe n'è chiari,
    Che no' sia pieni de pensieri avari,
    96De giandusse, e de cancari, che i scoa.

[p. 19 modifica]


Quanti me fà del mal soto pretesto
    De far giustizia, e palia el pensier pravo?
    E in mi condana la bruscheta? e'l travo
    100Assolve in altri, o'l lassa andar in resto?

Ofendo (verbi grazia) un, che me sforza
    Con l'insolenze, e insidie altri me tende:
    E chi morto me vuol, salva, e defende
    104Quel'altro, che a capricio usa la forza.

Mi son perseguità fin sù le stele:
    Quel se protege, e se receta in Casa:
    In facca a l'un se spua, l'altro se basa.
    108Stravaganze s'hà mai visto più bele?

Perche cussì? che vuol mai dir sto chiasso?
    Perche sto svario? Hossù l'intendo adesso.
    A tutti no' xè ugual de l'interesso
    112La misura, e de l'utile el compasso.

Se torna a conto, no' se guarda in fazza
    Al'Amigo, al Parente, o a chi se vogia.
    Le spie, se torna a conto, i Zafi, e'l Bogia
    116S'hà per amisi, e se carezza, e abrazza.

[p. 20 modifica]


Ghe xè certi fie mie, ch'hà le parole
    De miel in boca, e in boca hà sempre el riso,
    Che ve lusinga, e che ve fà bel viso:
    120Ma, ne mazor dopiezza hà le ceole.

Che bel sentir: sù, comandè: son pronto:
    Fazzo, per segno, un gropo al fazzoleto.
    Ma dove, e quando mai segue l'efeto?
    124Quando vien mai giusto a butarme el conto?

Par bon sentir à dir boca cortese:
    Farò. Dirò. Vegnì doman. Ben, ben.
    Vegno el doman: ma quel doman no' vien;
    128Ne manco vien la settimana, e'l mese.

Ve vogio senza falo consolar.
    Oh manco mal! Sò l'obligo, che v'hò.
    Voleu, che sia con vù? Sì. Ghe sarò.
    132Mo adesso. Adesso nò. Perche? Hò da far.

Mo quando? Presto: a revederse: hò pressa.
    Scrivè; solecitè; no' femo niente.
    Trovei per strada, o i sbrigna belamente
    136Per altra banda, o almanco i ve la intressa.

[p. 21 modifica]


O' el vento, o'l fredo, o l'aqua hà tegnù in drio,
    O chiapà d'improviso ha la podagra;
    O s'hà conti, o s'hà lite; o se va a sagra,
    140O se fà esequie, o se dà a Nena un Fio.

No' ve cognoscio mi? no' me n'acorzio,
    Che se pieni d'astuzie, e d'artificij?
    Hò copiose promesse, e scarsi oficij:
    144Cussi meschin son sempre barca a torzio.

Sè pur le care cosse! ò che Agneleti!
    No' crezo zà, che fiel in corpo habiè.
    Ma mi mo, che son schieto, e de mio pè,
    148Bramo anche in vu cuori sinceri, e schieti.

Quando havè ben cavà sughi, e costruti,
    Bondì, bon'ano: el Diavolo ha la tosse:
    Se compra el Porco, e più no' se cognosse:
    152Vu tirè tochi, e romagnì bei puti.

Ghe ne xè de busiari indemoniai,
    Che d'Atico Pomponio i se ne moca,
    Che no' sepe, vivendo, avrir mai boca
    156Contra la Verità, ne rechia mai.

[p. 22 modifica]


Salustio, e Ciceron giera nemisi,
    E Cornelio Nevuodo i praticava,
    Con gran schietezza; e tuti dò l'amava:
    160Perche intrigar lù no'l faveva i bisi.

Bela cossa è l'aver peto sinciero!
    E'l mentir xè bassezza, e codardia.
    Ma quel, che s'usa a proferir busia,
    164Fede no' puol trovar gnanca sul vero.

Nò me stè a dir: solerzia è questa nostra.
    S'habia l'esempio de l'acorto Ulisse:
    Che, se credemo a quel, che Homero scrisse,
    168Degno de laude anche la Fama el mostra.

Fermeve. Altro è acortezza, altro xè ingano.
    No' me metè vuovi in despar a coo.
    Me contento, che un sapia el fato soo:
    172Ma nò che'l terzo habia le befe, e'l dano.

Fù acorto Ulisse in quel, che conveniva;
    E in far quel, che convien, s'acquista laude:
    Ma, quando l'acortezza è mera fraude,
    176Nò me stè a dir: lassè che Homero scriva.

[p. 23 modifica]


Che qual far a Dolon proferte larghe
    Me fà fastidio, e quel vegner a pati,
    Per cavarghe de boca i celegati,
    180E la vita promessa al fin levarghe.

Forsi in rason de guera el no' fè mal.
    Sò, che messe el sagieto anche Sinon.
    Ma no' se sà, che questa è una rason,
    184Che frà Nemisi facilmente val?

Ma zontar un'Amigo? un'Homo schieto?
    Un, che se fida? un che no' n'hà pecà?
    Un, che ve mostra el cuor? che ben ve fà?
    188Mo che Diavolo haveu d'anima in peto?

Savè, che se suol dir, che'l tradimento
    Piase ben sì, ma'l Traditor no' piase.
    Pompeo fu pianto, e Cesare romase,
    192O mostrè almanco esser de mal talento.

Togia sù Besso quel, che'l guadagnè,
    Quando Alessandro a i rami el fè ligar
    Unij per forza, e gh'hebe el premio a dar
    196Degno d'haver tradì Dario, el sò Rè.

[p. 24 modifica]


O, me podessè dir, gh'è deferenza
    Dal tior la vita, al far zioghi de testa!
    Disè, ve prego! à meterme la vesta,
    200Penseu de guadagnar piena indulgenza?

Guarda ti el fato too. Sì, ma una Volpe
    Vegnì in specie d'Agnelo. E come posso
    Tanto, che basta, ochi tegnerve adosso;
    204E sò che la mia fede è senza colpe.

Xè maravegia che chiapasse Armida
    Tanti a la rede? ò Dio! me colorì
    Cussì ben le busie, che a dar el sì
    208Me xè pur la forza a quela fede infida.

Pur che se tira l'aqua al so' molin,
    Niente se stima el fat quel, che convien.
    Pur che l'utile cressa, ò mal, o ben,
    212No' se pensa a l'honesto un bagatin.

Ma l'utile, che fuora è de l'honesto
    Desprezza quel, che de bon nome hà brama:
    Che, quando l'Homo hà deturpà la fama,
    216Savè pò vù dove se peta el resto.

[p. 25 modifica]


No sò che farve: habievene per mal,
    M'havè irità: sè vù, che vuol cussì,
    No' stimo i vostri sdegni; e quanto a mì,
    220El perderve me xè gran cavedal.

Che, se ve perdo, a perderve sparagno
    Brighe d'oficij, e meto el cuor in stato
    De quiete: e, perche perdo un'Homo ingrato,
    224Posso dir d'haver fato un gran guadagno.

Ma, se vù me perdè, perdè un'amigo
    Schieto, e real, che averto el cuor ve mostra:
    Si che importante perdita è la vostra;
    228E mi me cavo infin fuora d'intrigo.

O, se da vù mai liberar me posso,
    Vogio che freghè el pie sul mio sogier.
    D'ogni ben, che v'hò fato hò despiaser,
    232E me ne diol, che tardi ve cognosso.

Ma i ochi vogio avrir, se ben xè tardi:
    Perche anche tardi el m'è ben fatto avrirli.
    Siropi sorba pur chi vuol sorbirli:
    236No' voi comprar più da le Gate i lardi.

[p. 26 modifica]


Se me despazzo in ben d'una lissia,
    Se meto più gnanca una pezza a mogia,
    Se sofro più ch'altri el cervel me imbrogia,
    240Fersa, e sturiol vegna a portarme via.