Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/39

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



No sò che farve: habievene per mal,
    M'havè irità: sè vù, che vuol cussì,
    No' stimo i vostri sdegni; e quanto a mì,
    220El perderve me xè gran cavedal.

Che, se ve perdo, a perderve sparagno
    Brighe d'oficij, e meto el cuor in stato
    De quiete: e, perche perdo un'Homo ingrato,
    224Posso dir d'haver fato un gran guadagno.

Ma, se vù me perdè, perdè un'amigo
    Schieto, e real, che averto el cuor ve mostra:
    Si che importante perdita è la vostra;
    228E mi me cavo infin fuora d'intrigo.

O, se da vù mai liberar me posso,
    Vogio che freghè el pie sul mio sogier.
    D'ogni ben, che v'hò fato hò despiaser,
    232E me ne diol, che tardi ve cognosso.

Ma i ochi vogio avrir, se ben xè tardi:
    Perche anche tardi el m'è ben fatto avrirli.
    Siropi sorba pur chi vuol sorbirli:
    236No' voi comprar più da le Gate i lardi.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/39&oldid=62896"